Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Pendolari pronti al boicottaggio

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 3 Comments

29

nov

2012

TARIFFE AL CASELLO, SALE LA PROTESTA

«Pronti a stenderci davanti al casello»

È quasi una mobilitazione quella contro la proposta di far pagare le tariffe ai pendolari dell’autostrada. Comune sommerso dai no.

CARO PEDAGGI – Il sindaco di Mirano: proveremo in tutti i modi a ottenere riduzioni

«Bloccheremo l’autostrada». Il Comune assediato da proteste e proposte

Mobilitazione di massa contro l’aumento del pedaggio autostradale: la probabile introduzione di una nuova tariffa per la tratta Mirano-Padova dal mese di gennaio ha messo in allerta moltissimi pendolari, infuriati e preoccupati. Negli ultimi giorni il Comune è stato inondato da decine di lettere e telefonate, ma la risposta del sindaco è sempre la stessa: «La decisione non spetta a noi, ma proveremo in ogni modo a ottenere delle riduzioni».
C’è il commerciante che telefona inviperito e il pensionato che scrive proponendo una soluzione, ma c’è pure chi minaccia di distendersi davanti al casello e bloccare l’autostrada. «E molti altri saranno pronti a fare lo stesso», garantisce. La speranza è che non si arrivi a tanto, in ogni caso le prossime settimane saranno decisive: martedì il sindaco Maria Rosa Pavanello ha incontrato il dirigente regionale Silvano Vernizzi: si è parlato sia del pedaggio che dei 19 milioni che spettano al Comune per realizzare opere di compensazione ambientale al Passante. Ma ai cittadini ora interessa soprattutto evitare il salasso: Cav ha infatti deciso di risolvere l’ormai noto problema del tornello di Dolo-Mirano (dove i pendolari della tratta Mestre-Padova escono e rientrano per godere del pedaggio gratuito nel tratto Mestre-Mirano e risparmiando così 2,10 euro) alzando il pedaggio per il tragitto Mirano-Padova: attualmente è di 70 cent, si parla di portarlo addirittura sopra i 2 euro. Apriti cielo, e giù polemiche su polemiche.
Un incontro forse risolutore è previsto tra una decina di giorni, sempre nella sede di Veneto Strade: sarà presente pure Eutimio Mucilli, uno dei vertici di Anas. Da parte della società autostradale e degli organi regionali è già stata data una prima disponibilità a valutare l’ipotesi di una riduzione per i pendolari, il prossimo incontro sarà l’occasione giusta per entrare nel dettaglio. La soluzione più caldeggiata al momento sarebbe quella di fornire dei telepass ad hoc con tariffe agevolate, ma sono molte le proposte che in questi giorni stanno arrivando sulla scrivania del sindaco.

 

IL FRONTE DEL NO

Mini telepass e penalizzazioni ai “furbetti” del casello

MIRANO – «Chi esce e rientra al casello di Mirano nel giro di 10 minuti, paghi tariffa intera». È questa una delle proposte più diffuse tra i cittadini per risolvere il nodo del casello. Ma non è l’unica: raccoglie molti consensi pure l’ipotesi di utilizzare pure al casello la Privilege Card, tessera magnetica rivolta ai residenti per godere di vari sconti nei negozi di Mirano. Giulio Vergerio, miranese, propone invece di impedire l’inversione nella prima rotonda, obbligando i «furbetti» a proseguire fino alla rotatoria successiva, quella con via Caltana. Ma il rischio è che il problema rimanga tale e quale. Circa la possibilità di utilizzare telepass con riduzioni ad hoc, c’è chi segnala che una soluzione simile è stata adottata in Val di Cecina, in Toscana, dove i residenti sono esentati dal pedaggio. La mobilitazione coinvolge i cittadini di Santa Maria di Sala e della Riviera: si teme pure che il salasso autostradale porti molti pendolari a riversarsi su strade provinciali e comunali mandando in tilt la viabilità ordinaria. (g.pip.)

 

  1. 3 Comments

    • Giovanna says:

      Pronta a stendermi davanti ai caselli ed occupare l’autostrada!!

    • Giovanna says:

      Mestre-Padova a 1 euro!! Così non si esce più!!! Non siamo noi i “furbetti”!!!! Lo volete capire o no che dovremo spendere 30 euro a settimana anziché 30 euro al mese??? Furbetti perché ci facciamo 2 conti in tasca? Furbetti perché ci vogliono aumentare la spesa giornaliera del 400%??? Cosa fareste voi, abitanti di mira, al posto nostro? Paghereste 2,90 euro al posto di 0,70 per non farvi fare coda al casello? I furbetti non siamo noi, sono i LADRI che mettono ste tariffe!

    • Domenico says:

      Perfettamente d’accordo con Giovanna. Senza parole per definire l’intelligenza di chi ritiene di difendere il proprio diritto alla tangenziale gratis con soluzioni alla: “basta che stiamo bene noi”. L’unica soluzione è che il tratto di autostrada Padova Mestre abbia un costo in linea con quello medio dell’autostrada su cui insiste.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui