Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VIGONOVO. Potrebbe slittare l’apertura dei cantieri dell’elettrodotto Dolo–Camin prevista per il 10 dicembre. La sesta sezione del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato da un cittadino di Vigonovo. Il procedimento era stato presentato nel 2010 al Tar del Lazio contro il Ministero dell’Ambiente, della Cultura, dello Sviluppo Economico, la Presidenza del Consiglio dei Ministeri, la Regione Veneto e Terna per l’annullamento del decreto che conteneva un giudizio positivo di compatibilità ambientale. Il Consiglio di Stato «ordina che la presente ordinanza sia trasmessa al Tar per la sollecita fissazione dell’udienza di merito». Il Tar, in sede cautelare, «se ritiene che le esigenze del ricorrente siano tutelabili fissa con ordinanza collegiale la data della discussione del ricorso nel merito». Tutto in divenire, quini. Terna, per il momento, preferisce non commentare. Nel frattempo ieri i comitati dei Cat hanno depositato al Consiglio di Stato una richiesta di sospensione dei lavori. (g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui