Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

UN LOTTO DI 12 MILA METRI QUADRATI

CASTELFRANCO. Viale Europa, l’11 dicembre l’asta dell’area. La giunta Dussin ha deciso di tentare il tutto per tutto rimettendo in vendita il terreno edificabile commerciale situato in viale Europa, a sud dello Shopping Day. Sarà rimesso all’asta al prezzo di due milioni e 200 mila euro. L’asta si svolgerà l’11 dicembre. L’ultima asta riguardante questo terreno era andata deserta. Si tratta di un lotto da 12 mila metri quadrati a destinazione commerciale. Il prezzo di base d’asta era di due milioni e 200 mila euro. Nessuna offerta però è stata presentata e ora il Comune si trovato ad affrontare una situazione disastrosa. Per evitare lo sforamento del patto di stabilità è necessario recuperare una somma di 3,5 milioni di euro in 2 mesi. Un milione e mezzo è possibile recuperarlo grazie allo sconto sul patto concesso ai comuni virtuosi dal punto di vista della gestione finanziaria (tra questi anche Castelfranco) e, in parte, al contenimento delle spese. Rimane però una voragine di 2 milioni da colmare. La vendita di questo lotto è l’ultimo tentativo fatto dalla giunta per salvare il comune dal disastro dello sforamento del patto di stabilità. «Il terreno andrà all’asta di nuovo», spiega, «cercheremo di rendere appetibile l’acquisto rivedendo alcuni parametri inerenti le condizioni di pagamento. Il prezzo rimarrà lo stesso».

Era andata deserta anche l’asta per l’altro terreno messo in vendita, quello all’angolo tra via Sile e via Lovara. La zona dove avrebbe dovuto partire il progetto per la cartiera Rotocart. La vendita però non andò a buon fine. Decisive le pressioni fatte dal comitato spontaneo «No ecomostro» che in pochi giorni aveva raccolto 3 mila firme contro il progetto. Il prezzo di quell’area da 119 mila mq era di 5,3 milioni di euro. La cubatura costruibile concessa oltre 700 mila metri cubi. Per la maggioranza si tratta di una vera opportunità di sviluppo per la città con positive ripercussioni dal punto di vista occupazionale. Per il comitato invece uno scempio di dimensioni gigantesche.

(d.q.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui