Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Mira Fuori del Comune raccoglie l’appello dei movimenti del nord-est e presenta a Mira la proposta di legge di iniziativa popolare sulla riconversione ecologica dell’economia. Questa proposta, insieme a quella sul reddito minimo di cittadinanza, è stata presentata e fatta propria nella prima riunione dall’Assemblea Permanete dei movimenti del nord-est svoltasi a Vicenza nel gennaio 2012.

Da quella istanza è partita poi una campagna di raccolta di firme che si è conclusa a settembre, ma il comitato promotore (del quale fanno parte amministratori locali, esponenti sindacali e politici, attivisti dei movimenti a difesa dei beni comuni di tutto il Veneto) ha scelto di utilizzare anche lo strumento istituzionale dei consigli comunali.

Lo Statuto regionale e la Legge regionale n. 1 del 1973 prevedono infatti la possibilità di iniziativa legislativa e regolamentare anche ai consigli comunali a condizione che l’iniziativa legislativa sia promossa da un numero di consigli comunali non inferiore a dieci o da consigli di comuni che singolarmente, o unitamente ad altri, raggiungano complessivamente una popolazione non inferiore a ventimila abitanti. Tra i primi consigli comunali che hanno aderito ci sono quelli di Baone e Este.

Mira Fuori del Comune, condividendo le finalità dell’iniziativa, ha depositato la proposta di legge anche a Mira, che essendo Comune con più di 20.000 abitanti sarebbe da solo sufficiente per attivare la discussione sulla proposta di legge in Consiglio Regionale. La proposta di delibera dovrebbe andare in votazione nel consiglio comunale di dicembre o eventualmente di gennaio.

La proposta di Legge di riconversione ecologica dell’economia rappresenta uno strumento e un contributo importante per cominciare ad indicare e praticare strade alternative per uscire dalla crisi rispetto a quelle imposte dal governo Monti e dalla Troika europea.

Tra gli obiettivi della legge ci sono:

A. recupero di condizioni di massima compatibilità ambientale delle attività produttive, ivi comprese quelle edili;
B. graduale riconversione delle attività di produzione di materiali bellici in attività di produzione di beni e di servizi socialmente utili ed eco-compatibili;
C. disincentivazione della produzione di danno ambientale;
D. salvaguardia della salute dei cittadini;
E. evitare il consumo di territorio e la dissipazione di risorse naturali finite e non rinnovabili.

Mira Fuori del Comune – Mira 2030

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui