Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Edilizia, la crisi non fa vendere: meno 12%

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

dic

2012

A Marcon, Quarto e Meolo imprese in difficoltà. Roccato (Aniem): «Abbiamo i mesi contati»

MARCON. Non si ferma la crisi dell’edilizia nel secondo quadrimestre 2012 nel “triangolo” che comprende i Comuni di Quarto d’Altino, Musile di Piave e Meolo. È quanto emerso oggi dall’incontro che si è svolto al Centro Servizi di Mestre tra il presidente della commissione provinciale lavoro e attività produttive Roberto Dal Cin e il direttore dell’Aniem (associazione degli edili aderente alla Confapi) Pier Orlando Roccato, che ha snocciolato alcuni numeri, densa cifra della crisi in atto, che continua a mietere vittime. Nel secondo quadrimestre del 2012 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, l’immobile invenduto è aumentato del 12 per cento: in pratica ormai si attende anche un anno prima di vendere un’abitazione.

Non solo: si registrano un aumento della cassa integrazione che riguarda il settore del 12 per cento e del 7-8 per cento il ricorso alla mobilità. Unico dato positivo la richiesta di nuove tipologie di abitazioni come la “bioedilizia in legno” che registra due punti percentuali in più e che in pratica si è ricavata una propria “nicchia” nonostante il costo.

«Ci sono altri due aspetti che definirei terrificanti», precisa ancora Roccato, «nel 2013 il 10-25 per cento delle nostre imprese edili non sono sicure di ripartire, di conseguenza a soffrire sempre di più sono le agenzie immobiliari. Non vediamo segnali di ripresa per il nuovo anno, permettetemi di dire che abbiamo i mesi contati: una ripartenza dell’edilizia gioverebbe anche ad altri settori dell’indotto e quindi darebbe una boccata d’ossigeno all’economia delle nostre piccole e medie imprese».

«L’importante in queste situazioni di crisi», ragiona Dal Cin, «è riuscire a fare squadra tra istituzioni, associazioni di categoria e organizzazioni sindacali. Dobbiamo cercare di coinvolgere il mondo del credito, che per diversi motivi non sostengono lo sviluppo e quindi “abbandonano” le piccole e medie imprese per anni trainanti per l’economia veneziana».

Domani alle 11.15 a Ca’ Corner, durante le seduta della sesta commissione (lavoro e attività produttive), verrà presentata la situazione dell’edilizia in provincia di Venezia. Parteciperanno oltre a Dal Cin, l’assessore alle attività produttive Lucio Gianni, il presidente dell’Aniem regionale Alessandro Tonello ed il direttore dell’Aniem Venezia Pier Orlando Roccato.

Marta Artico

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui