Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Venezia patrimonio dell’umanita’

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

dic

2012

«Venezia e la sua laguna, il futuro di un sito Patrimonio del’Umanità». È il titolo della grande conferenza internazionale che si terrà a Ca’ Giustinian il 21 e 22 febbraio prossimi. Iniziativa di cui si parla da tempo. Prevista in un primo momento due anni fa sul tema dell’innalzamento del livello dei mari. Poi annullata all’improvviso su richiesta del governo italiano e dei ministri di allora, Renato Brunetta e Franco Frattini. Relatori già invitati, sala già prenotata, manifesti affissi per i muri della città. Ma l’Unesco imbarazzata aveva dovuto annullare tutto. Poi c’era stato il periodo delle polemiche sull’uso della città. L’invasione turistica, le grandi navi, le licenze commerciali. Infine il Piano votato dalla giunta che elabora strategie di intervento rispettose e la «pace» tra Comune e Unesco. Così ieri il sindaco e la direttrice di Unesco Venezia Yolande Valle-Neff hanno annunciato la presentazione congiunta della conferenza internazionale. Si parlerà delle tante emergenze di Venezia. Non più soltanto l’acqua alta, come all’ordine del giorno fino a pochi anni fa. Venezia patrimonio dell’Umanità ha bisogno di cure e attenzioni quotidiane. Proprio in un periodo in cui mancano i fondi per la manutenzione, i restauri e lo scavo dei rii segnano il passo. Si parlerà di laguna, di erosione e di moto ondoso. Ma anche dei grandi lavori in corso, a cominciare dal Mose. E poi del problema delle grandi navi.

Business turistico che porta in laguna grandi navi alte più del campanile di San Giorgio, che spostano ad ogni loro passaggio qualcosa come 130 mila tonnellate d’acqua. Non solo un fattore estetico, ma anche di inquinamento e danni idraulici, di sostenibilità complessiva di un ecosistema troppo delicato per sopportare invasioni del genere. Si parlerà anche di turismo, e di provvedimenti per la tutela di una città visitata nel 2011 da 22 milioni di turisti, sempre più stravolta nel suo equilibrio socioeconomico.

(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui