Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SPINEA –«Il nuovo parcheggio davanti alla biblioteca si trova in un’area ancora inquinata: fino a quando il privato non completerà la bonifica, il Comune non acquisirà il terreno».
A parlare è l’assessore ai Lavori pubblici Giampier Chinellato, che risponde alle sollecitazioni da parte dei cittadini per aprire il parcheggio realizzato all’altezza del civico 170, lì dove fino a pochi anni fa c’era il distributore Q8.
Al suo posto ora ci sarebbe un grande parcheggio. Sembra tutto pronto ma, visto che a lungo c’è stato un distributore di benzina, il sito dev’essere bonificato. E qui c’è il nodo: «Le analisi di novembre confermano i timori, gli inquinanti presenti nel terreno sono ancora elevati», si legge nella nota diffusa ieri dal municipio. Il Comune temporeggia: deve ancora acquisire ufficialmente l’area e il motivo è limpido: «Se oggi quell’area fosse di proprietà pubblica il Comune avrebbe dovuto pagare i costi della bonifica. Invece alla situazione attuale è il privato che deve provvedere alla bonifica», sottolinea Chinellato. La situazione è chiara, ma tempi certi non ce ne sono: l’area resta inutilizzata, i parcheggi in centro restano pochi. (g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui