Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Un casello di ordinaria follia

Posted by Opzione Zero in Filmati, Rassegna stampa | 16 Comments

7

dic

2012

prodotto dalla Doliwood Films

 

VOLANTINO CONTRO L’AUMENTO DEL PEDAGGIO

 

 

  1. 16 Comments

    • Giovanna says:

      Fantastico!

      • mario says:

        Folle ! abito a Padova e faccio tutte le mattine (5/7 gorni) l’autostrada Padova – Mestre. Leggo dell’aumento e leggo anche che ci potrebbero essere degli sconti: solo per i residenti in certi comuni (Mira, Mirano ….) …. ma io abito a Padova. Chiamo il numero dalla CAV e spiego che abito a Padova … “Nessuno sconto è previsto per chi abita a Padova !” mi dicono……. ma la tratta Mirano – Padova è la stessa che Padova – Mirano: perchè io devo pagare 2,80 euro e chi va a Padova da Mirano ha lo sconto ! Compro la stessa cosa ma a me non fanno lo sconto ! Che stupidaggine è questa: discriminazione clientelare !? TRUFFA BELLA E BUONA !!!! Tutto aumenta e una famiglia (la mia come tante altre !!) si accolla una spesa di 1300 euro circa al mese solo per transitare e recarsi al lavoro ! VERGOGNA !! VERGOGNA PROFITTATORI !! VERGOGNA AFFAMATORI DI ITALIANI !!

    • Giuseppe says:

      Complimenti per chi ha avuto la bella idea di fare tale filmato !
      Mi raccomando, però! NON rivolgete MAI il bazooka verso i Responsabili e/o Politicanti che sono al soldo di Satana, poiché Dio ha comunicato al mistico Jakob Lorber che Lui permette a tali “materialisti” di godere soltanto nei pochi anni terreni che vivono nell’aldiquà, ma poi – nell’Aldilà – avranno solo TRIBOLAZIONI e SOFFERENZE.
      Pertanto noi facciamo pure delle lotte “pacifiche” contro di loro e, se perderemo, paghiamo pure i loro biglietti autostradali elevatissimi, poiché in cambio noi non soffriremo nell’Aldilà, dato che abbiamo già patito nell’aldiquà!
      E se siete davvero poveri economicamente in questa “Valle di Lacrime” che è la Terra, allora – credetemi – CHIEDETE AIUTO A TUTTI, e prima o poi troverete sicuramente qualcuno che vi aiuterà a superare le dure difficoltà della vita.
      E se non troverete nessuno, allora significa che avete un’anima ancora più nera di quei Politicanti contro cui vorreste combattere e che anche avete giudicato.
      Buon Natale a tutti! E che Dio vi benedica come ha sempre e anche troppo benedetto me!
      Vesco Giuseppe

    • redazione says:

      Il comitato Opzione Zero è completamente d’accordo sulla non-violenza. Il filmato è ovviamente comico e la satira prevede “estremizzazioni”. Comunque in questo caso il bazooka viene puntato contro la Orte-Mestre (la famigerata Romea commerciale), un’opera inutile e costosa e che ha causato la non riapertura del casello di Dolo. Speriamo di riuscire ad impedire la costruzione della Orte-Mestre e riaprire il casello di Dolo (sia verso Mestre e sia verso Padova) con le nostre lotte pacifiche e non violente.

    • Giuseppe says:

      In qualità di presidente del Comitato Pensionati e Casalinghe di Vetrego Vi informo che nel caso in cui la Tariffa VETREGO-PADOVA EST resterà eccessivamente elevata (dal 01 gennaio 2013), il Comitato Pensionati e Casalinghe di Vetrego si affiancherà a qualsiasi altro Comitato per dare inizio a delle Manifestazioni volte a far ridurre tale tariffa o almeno a prevedere delle agevolazioni per gli Studenti e per quei Pendolari che percepiscono uno stipendio netto mensile inferiore a 1700 Euro.
      Ringrazio il Comitato Opzione Zero per la prima iniziativa che ha fatto “direttamente sul campo” e trasmessa da RAI 3 il giorno 6 dicembre.
      Al popolo di Vetrego ho già comunicato di prepararsi a “dissotterrare l’ascia di guerra” di fronte ad una Ingiustizia che grida vendetta al Cielo, ovvero alla pazzia di far pagare ai lavoratori € 2,90 per un tratto autostradale al quale – in base alle legali tariffe autostradali – è prevista la tariffa di € 0,70.
      E’ vero che le “Norme autostradali” da noi verificate prevedono un aumento nel caso di “liberalizzazione” di brevi tratti, MA la saggezza vuole che nel caso l’aumento fosse eccessivamente elevato è bene “NON attuare la liberalizzazione”.
      Prepariamoci dunque alla “battaglia” contro i Titani, nella speranza che la vittoria vada al piccolo Davide (con la fionda di Dio) e non – come al solito – al gigante Golia (con la spada di Satana).
      Grazie di nuovo e cari saluti.
      Vesco Giuseppe

    • Domenico says:

      Bellissimo il filmato!!
      Per ora sono d’accordo anche sul non utilizzare il bazooka… però lo sotterrerei proprio vicino all’ascia del comitato pensionati e casalinghe di Vetrego non si sa mai che gli eventi suggeriscano un ripensamento.

    • umberto says:

      paga sempre il piu’ c…… perche’ non levare i privilegi ai soliti e far risparmiare ………. i solitiiiiiiiii

      non cambiera’ mai

    • pierluigi says:

      Delle volte dovrebbero tutti vergognarsi!! chiamano “furbetti” noi lavoratori pendolari che riusciamo a risparmiare quattro euro al giorno grazie a decisioni prese dall’ente autostrade. Ma se noi siamo i furbetti cosa sono loro che per anni hanno incassato soldi non dovuti? Tutti quelli che sono venuti da Padova a Mestre e non sapevano dell’ uscita Dolo hanno sempre pagato anche la tratta gratuita!!! Quindi se eliminano il giochetto a noi furbetti che ancora riusciamo a sopravvivere con quel poco lavoro rimasto, l’ente autostrade restituirà tutti i soldi presi in più e non dovuti agli automobilisti ignari della convenienza di uscire al Dolo? Infine perchè per i pendolari dei treni e autobus esistono gli abbonamenti mentre per la tratta autostradale ad esempio Mestre Padova non è previsto niente? Chi deve intervenire il Sindaco o chi altri? vergognatevi tutti ormai non siete più credibili in niente agite solo per interessi o convenienza ma sempre e solo sulle spalle dei cittadini e lavoratori!!!

    • Francesco says:

      Gennaio 2014 si avvicina ….e gli aumenti finali pure …
      Urge muoversi per scongiurarli.
      Perchè non chiamiamo Moreno Morello di Striscia la notizia ?
      E’ di Padova, ha lo studio a Padova, è su di uno scandalo simile ci si tufferebbe immediatamente, se interpellato da un comitato e/o sollecitato anche da molte lettere dei privati.
      Solo in azienda da me come pendolari siamo in 5, tutti pronti a firmare una lettera…
      Ecco il suo link … http://www.morenomorello.it/
      Che ne dite ??
      Dai che li facciamo neri o almeno vendiamo cara la pelle !!!

    • Nicola says:

      A mio modesto parere l’unica soluzione percorribile è l’applicazione di quanto già previsto negli accordi di programma stipulati prima di realizzare il Passante, che prevedevano il mantenimento a pagamento della tratta Padova-Venezia Ovest (o Villabona arretrata) e da lì in poi il tratto liberalizzato. Per fare ciò è necessario che sia applicato il cosiddetto “isopedaggio”, cioè la stessa tariffa, per chi proviene da ovest, sia uscendo a Vetrego che uscendo a Villabona. Ricordo a tutti che la liberalizzazione della tratta Venezia Ovest-Venezia Est era stata decisa come forma di compensazione dei disagi creati dal Passante, per i residenti nelle zone limitrofe: i pendolari provenienti da Padova, o più ad ovest, avrebbero continuato a pagare almeno quanto prima. Non mi sembra corretto, adesso, invocare la crisi e la difficoltà ad arrivare a fine mese per cercare di spuntare tariffe minori, magari a discapito di chi, residente in zona, a suo tempo ha dovuto lottare, da solo, contro l’opera ed ora ne sopporta quotidianamente i disagi

    • Paolo says:

      Abbiamo una sola opzione class-action. E’ una vergogna che un cittadino veneziano abbia la …colpa di abitare in uno degli snodi più trafficati d’Italia e per di più debba pagare una sovratassa di almeno 2 € su qualsiasi tratta autostradale si inoltri. Per quanto mi riguarda io il legale l’ho già trovato e siamo già in parecchi.

      • marina says:

        e’ una vergogna che un lavoratore che debba andare da padova a dolo debba pagare di autostrada cosi’ tanto sono d’accordo di fare un class action perche’ non e’ possibile andare avanti cosi’, tutte le malefatte della politica le paghiamo sempre noi semore la povera gente, vorrei sapere se con questi rincari paghiano anche le tangenti basta popolo svegliamoci non è possibile andare avaanti così,

    • Andrea says:

      Io proporrei, mi legga il dott. Chisso che tutto sommato ha fatto un buon lavoro e ci tiene al fatto di rendere le province di venezia e padova un’unica città metropolitana, di AZZERARE il costo autostradale da Padova Est a Venezia-Mestre (villabona), ivi compreso il casello di Mirano-Dolo, visto i disagi causati dal passante e dal mancato arretramento del casello di Mirano-Dolo a tutti i residenti e pendolari. La cosa mi sembra molto ragionevole ed è in linea con il progetto di città metropolitana (venezia-padova-treviso). Molti pendolari, io stesso, in mancanza di una superstrada o bretella o prolungamento di tangenziale, utilizzano l’autostrada per veloci spostamenti tra mestre, padova e comuni della riviera, cercando di evitare il più possibile i centri abitati (Mira, Oriago, Dolo, Pianiga-MELLAREDO, VIGONZA, STRA’) già congestionati fuori dai modi. E’ inamissibile che il costo del passante venga sostenuto dai pendolari.. ma piuttosto che venga inglobato nel costo del transito del passante stesso. In questo modo, visto l’elevato movimento di veicoli nel passante, l’aumento del costo sarà più leggero.

    • mario says:

      Ciao Andrea, come fai a dire “Chisso ha fatto un buon lavoro” ?
      E’ l’ennesimo politico inconcludente e attaccato alla propria
      poltrona che non ha MAI risolto i problemi della comunità che
      rappresenta (l’attuale disastroso stato delle cose è davanti agli
      occhi di tutti) e che dovrebbe tornarsene a casa sua.
      Cordialmente.
      :)

    • Mari says:

      Penso che richieste e attese non servano a nulla!

      Qui bisogna riprendersi a tutti i costi la logica, il buon senso e l’onestà perché io di pagare ogni giorno 5,60 euro per andare a lavoro non c’ho più voglia!

      Ora,
      quanti saranno i pendolari che ogni giorno fanno la tratta Mestre – Padova e viceversa?

      Ecco,
      se TUTTE queste persone – diciamo da domani – per un mese facessero un piccolo sforzo e non prendessero più l’autostrada, non pensate che creerebbero un disagio tale per cui sarebbero le autostrade stesse a pregarci di ritornare e, a quel punto alle nostre condizioni?

      Io penso proprio di si!

      Aspettare, in questo paese non serve a nulla!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui