Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Grandi navi, sono tre i filoni dell’inchiesta

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

12

dic

2012

Le indagini della Procura sulle grandi navi proseguono. E il prossimo passo sarà l’acquisizione dei dati sull’aumento del traffico crocieristico negli ultimi anni, per poi valutare l’opportunità di disporre una nuova consulenza sugli eventuali danni ambientali causati in laguna da questi giganti del mare. Una decisione presa nel corso di una recente riunione dei magistrati dell’area reati ambientali, coordinata dal procuratore aggiunto Carlo Mastelloni. I procedimenti aperti sulle grandi navi sono ben tre, assegnati al sostituto procuratore, Giorgio Gava. Lo stesso che quattro anni fa aveva già avviato un’inchiesta analoga, ma incentrata sugli effetti idrodinamici di questo traffico, cioè sui presunti danni alle rive causati dal passaggio delle navi. In quell’occasione erano state acquisite le consulenze dell’Autorità portuale che aveva concluso per l’irrilevanza dei danni sul fronte del moto ondoso, delle vibrazioni, dell’acustica e dei fumi. E la Procura non aveva trovato nulla di rilevante penalmente, anche per la mancanza dell’elemento doloso in un eventuale danneggiamento.
Ora però, a fronte di nuove segnalazioni, la Procura vuole capire se quelle consulenze siano ancora valide, o se non sia il caso di disporne una propria. Ed ecco la decisione di acquisire dati puntuali sull’aumento del traffico, che potrebbe aver modificato il quadro giudicato tranquillizzante dai consulenti del Porto quattro anni fa. Alla base di queste nuove indagini c’è anche l’esposto presentato, quest’estate, da Comitato no grandi navi, Medicina democratica, associazione Bortolozzo e AmbienteVenezia. Un dossier incentrato soprattutto sull’inquinamento atmosferico e integrato, in questi giorni, anche dalla recente lettera del dipartimento di prevenzione dell’Ulss 12 che, a proposito delle ultime rilevazione dell’Arpav, ancora una volta tranquillizzanti rispetto al traffico crocieristico, le aveva giudicate non sufficienti, suggerendo una “rivelazione mirata” sugli effettivi inquinati al passaggio delle navi. Ma la Procura ha all’esame anche un altro esposto, questa volta a firma del Codacons, sulla sicurezza dei trasporti in laguna e le presunte inadempienze per il mantenimento del passaggio delle grandi navi. Insomma un quadro variegato per queste indagini ancora alle prime battute. Ipotesi di reato: il getto pericoloso di cose e l’omissione di atti d’ufficio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui