Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Sì al progetto definitivo per la realizzazione del “Terminal Autostrade del Mare, Piattaforma Logistica Fusina”, presentato dall’Autorità Portuale di Venezia. L’intervento dovrà essere realizzato entro cinque anni dalla pubblicazione della delibera regionale, che la giunta ha adottato su iniziativa dell’assessore Renato Chisso, di concerto con il collega Maurizio Conte.
«Nell’approvare il provvedimento – ha sottolineato Chisso – la Giunta ha fatto proprio il parere favorevole espresso all’unanimità dei presenti dalla Commissione Regionale VIA, subordinatamente al rispetto di prescrizioni e raccomandazioni. Il Terminal veneziano delle Autostrade del Mare sarà realizzato all’incrocio del canale industriale Sud e dell’ultimo tratto del canale Malamocco – Marghera, nell’area già dell’Alumix. È prevista la realizzazione di una darsena con quattro ormeggi capaci di ospitare contemporaneamente altrettante navi per servire sia i traghetti che trasportano i camion o i loro rimorchi, sia quelli che possono portare anche auto e passeggeri. Oltre all’infrastruttura portuale, il progetto prevede inoltre la realizzazione di una piattaforma logistica dotata di infrastrutture viarie e ferroviarie e di nuovi fabbricati, magazzini, piazzali portuali e parcheggi, per un’area complessiva di circa 36 ettari. Questa iniziativa si colloca all’interno delle previsioni degli strumenti di pianificazione internazionale, nazionale, regionale, provinciale e comunale».

 

  1. 1 Comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui