Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – In bici da piazza Ferretto a Venezia

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

dic

2012

MOBILITÀ – La Giunta approva la pista ciclabile lungo il ponte della Libertà. Sarà pronta a febbraio 2014

Una passerella a sbalzo negli ultimi 750 metri, passaggi tra l’area Brugnaro, il Vega e via Torino

I COSTI – Il Comune non pagherà un solo euro. Fondi dalle multe e dalle strisce blu.

Lunga 6 chilometri, gli ultimi 750 metri saranno a sbalzo. AI PILI la pista passerà all’interno di un’area verde, per poi raggiungere il Vega e con il sottopasso via Torino

Muoversi in bicicletta da piazza Ferretto a piazzale Roma o addirittura al Tronchetto e quindi al Lido dal febbraio 2014 non sarà più una fantasia, ma una realtà. E a costo zero per il Comune, e quindi della cittadinanza. La giunta ha approvato ieri lo studio di fattibilità dell’opera che sarà lunga complessivamente sei chilometri e metterà in collegamento le due città anche attraverso un percorso inedito attraverso via Torino, il sottopassaggio ferroviario di Porto Marghera, il Vega e i terreni di proprietà Brugnaro ai Pili. Il ponte della Libertà sarà reso ciclabile sul sedime del marciapiedi del lato meridionale, salvo gli ultimi 750 metri dove sarà realizzata una pista a sbalzo che raggiungerà la rampa per piazzale Roma e il Tronchetto.

Il costo previsto è 3 milioni e 200mila euro, tutti già disponibili. Il finanziamento arriva da Avm (proventi da strisce blu) con 880mila euro, da accantonamenti già effettuati da Pmv, 279mila dall’appaltone per l’illuminazione pubblica per minori costi derivanti dal mancato ripristino dell’illuminazione del ponte ai livelli preesistenti e un milione e 300mila che corrispondono a due anni di multe per infrazioni al Codice della strada spettanti a Veneto Strade e “girate” al Comune per realizzare l’opera.

Infine ci sarà un intervento a carico del privato proprietario dei Pili per 500mila euro, che sarà regolato da una convenzione. In pratica, Brugnaro realizzerà la parte di pista nei suoi terreni e il Comune gli consentirà di realizzare un certo numero di alcuni parcheggi.
«Una pista fattibile, un progetto importante e molto sentito dalla nostra comunità che finalmente oggi viene reso concreto – ha commentato il sindaco Giorgio Orsoni – grazie ad un lavoro certosino e paziente. È un passo storico verso quella ciclabilità che è sempre stata precaria e poco sicura lungo il percorso translagunare. La soluzione di costruire una passerella a sbalzo verso il Tronchetto – ha poi aggiunto – è una scelta che consente di non escludere eventuali sviluppi in questo senso, come previsto nel bello ma costoso progetto del collegio degli ingegneri».
La delibera è stata il frutto di un lavoro congiunto, coordinato dall’assessore alla Mobilità Ugo Bergamo, e portato avanti anche dagli assessori all’Urbanistica Ezio Micelli e ai Lavori pubblici Alessandro Maggioni.
Tutto il percorso ciclabile sul ponte sarà illuminato con un innovativo impianto a led, omogeneo a quello previsto per la sede stradale in entrambi i lati della carreggiata.
L’illuminazione stradale del ponte della Libertà, invece, non vedrà il ripristino dei vecchi “fiammiferi”. Ci sarà un’illuminazione di sicurezza a led, che non illuminerà la strada a giorno, ma permetterà comunque – assicurano i tecnici del Comune – di guidare senza pericolo.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui