Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Tutte le novità del nuovo Piano di assetto del territorio. Nel Quadrante di Tessera solo la cittadella dello sport

Grandi navi via da San Marco, no al tracciato dell’Alta velocità in gronda lagunare, così come alla sublagunare e alla “cementificazione” del Quadrante di Tessera. Via libera invece al completamento del sistema ferroviario regionale, con il tratto aeroporto-Dese e il tram. Sono le linee guida del nuovo Pat, il Patto di assetto del territorio approvato l’altra sera a larga maggioranza dal Consiglio comunale. Un Piano di grande importanza strategica, che detta le linee di espansione futura del territorio veneziano. «Sono molto soddisfatto», dice l’assessore all’Urbanistica Ezio Micelli, «perché abbiamo ridotto il consumo di territorio e ridotto la nuova edificazione». Le osservazioni presentate dai proprietari avevano richiesto il cambio d’uso da agricolo a edificato di 1.254 ettari. Alla fine ne sono stati concessi 5,8. «Il 4,6 per mille delle richieste», dice Micelli, «questo dimostra che abbiamo tenuto duro rispetto alle esigenze dei privati e confermato una linea di sviluppo che privilegia l’utilizzo delle costruzioni esistenti e la ferrovia». Piano votato dai consiglieri di maggioranza (Pd, Psi, Udc, Italia dei Valori, Lista In Comune). Hanno votato contro Pdl e Lega, e il rapprsentante della federazione della sinistra Sebastiano Bonzio. «Avevamo un’altra idea di Pat», dice, «il Piano è stato migliorato, ma l’errore è quello di vincolare l’area di Tessera, che così resta esposta a speculazioni future». Un rischio che invece è stato sventato secondo Beppe Caccia, autore di emendamenti al testo originario. «Il bilancio è positivo», si legge in una nota firmata dall’assessore all’Ambiente Gianfranco Bettin e dai due consiglieri Caccia e Seibezzi, «il Pat è uno strumento condiviso sul governo del territorio e non calato dall’alto, da altri interessi e poteri forti». Positivo anche il commento del Pd, mentre l’Udc di Ugo Bergamo avrebbe voluto una maggiore accelerazione sul nuovo Piano di San Basilio, con l’arrivo del tram e in cambio la concessione al porto di nuovi edifici per i parcheggi. Ma al termine di una riunione di maggioranza, il sindaco Giorgio Orsoni ha deciso di rinviare a gennaio la discussione su quel progetto.

Grandi navi. Confermata la scelta del Comune di vincolare le scelte dell’Autorità portuale di Paolo Costa alla pianificazione urbanistica della città. Le grandi navi incompatibili dovranno andare fuori da San Marco.

Sublagunare. Con l’ordine del giorno allegato al Pat (votato da tutti i gruppi ad eccezione del Pdl) il Consiglio comunale esprime la sua netta contrarietà al progetto di tunnel sotto la laguna «sotto il profilo ambientale, economico e gestionale». «Non una posizione ideologica», spiega l’assessore, «ma una naturale conseguenza della scelta di completare l’anello ferroviario con il trasporto veloce da tessera a piazzale Roma».

Tessera. Archiviata la grande cementificazione da un milione di metri cubi. A Tessera si potranno realizzare solo stadio e impianti sportivi, solo nell’area a sud ovest della bretella, salvando le aree verdi coltivate.

Marghera. Confermata per Marghera la destinazione industriale, con i progetti della Raffineria verde e attività innovative nelle aree bonificate.

Alberto Vitucci

link articolo

 

Ca’ Farsetti approva il Pat con 22 si’

Protesta dei dipendenti comunali contro i tagli allo stipendio e le valutazioni

Via libera al Pat. Il nuovo Patto di Assetto del territorio è stato approvato ieri sera dal Consiglio comunale. 22 i voti favorevoli – la maggioranza al gran completo – sette contrari (Pdl e Lega, il consigliere della Federazione della sinistra Sebastiano Bonzio e l’ex Idv Nicola Funari), due non votanti (Franco Conte del Pd e Valerio Lastrucci del Gruppo Misto). Passo importante, secondo l’assessore all’Urbanistica Ezio Micelli, per il governo del territorio. Rispetto al Piano originale, presentato quattro anni dalla giunta Cacciari, il nuovo Pat riduce il piano di sviluppo del cosiddetto Quadrante di Tessera («Tessera city») che prevede oggi nuovi insediamenti sportivi a cominciare dallo stadio e dal terminal. Marghera viene destinata a «riuso industriale e portuale», l’indirizzo sul traffico delle grandi navi in laguna è quello di trovare al più presto soluzioni alternative. «Abbiamo ridotto il consumo di suolo», dice l’assessore Micelli, «concentrato le funzioni in aree destinate». I Piani attuativi dovranno ora mettere in pratica le buone intenzioni, riducendo davvero il consumo di suolo, la nuova edificazione e le volumetrie, con un mercato in calo, e molti alloggi vuoti e invenduti. Consiglio che ieri ha visto in mattinata la grande protesta dei lavoratori comunali. In centinaia hanno occupato l’aula di Ca’ Loredan per una infuocata, distribuendo volantini – anche al sindaco e agli assessori – firmati da tutte le sigle sindacali ( Cgil, Cisl, Uil, Diccap, Csa, Rsu). Si accusa il Comune di «non aver tenuto conto del contributo dei lavoratori nella nuova organizzazione» e soprattutto di utilizzare un sistema di valutazione penalizzante. Ultimo attacco al Patto di Stabilità: «Ci opporremo in ogni modo», hanno detto i lavoratori al sindaco, «al tentativo di innescare meccanismi di taglio lineare al salario dei lavoratori». proteste e anche inizitive «leggere». Il consigliere udc (ex leghista) Marzo Zuanich ha donato ai consiglieri quindici maglie granata con il leone. Mobilitato l’ufficio stamp per diffondere la notizia. A Orsoni è toccato il numero 29. «Speriamo servano per incontri di beneficenza e di solidarietà», ha detto il consigliere.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui