Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Grandi navi, piano innovativo”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

dic

2012

L’articolo 35 bis del Pat le definisce “incompatibili”, soddisfazione del Pd

Un articolo, il 35 bis, votato a stragrande maggioranza. Che prevede l’allontanamento delle grandi navi dalla laguna perché definite «incompatibili con la città storica e il contesto lagunare». Nuovi studi sugli impatti ambientali e socioeconomici del turismo e delle navi, da affidare a «enti pubblici indipendenti» per stabilire una soglia massima di sostenibilità turistica giornaliera della città.

Sono alcuni dei punti del nuovo Pat, il Piano di Assetto territoriale, approvato l’altra sera dal Consiglio comunale. Un Piano che disegna la città del futuro, ambiti di interventi e nuovi progetti su cui dovranno essere disegnati i Piani Attuativi. Il terzo grande Piano regolatore dopo quello del 1962 e il Piano Benevolo della fine degli anni Novanta. «Un grande lavoro», commenta Carlo Pagan, consigliere del Pd e presidente della commissione sulla Pianificazione strategica, «sono state esaminate 800 osservazioni di cittadini, aziende e associazioni. Alla fine ne è uscito un Piano innovativo, dove per la prima volta si affronta il tema del risparmio del consumo di suolo, si pianifica per zone e non più per lotti, insieme ai cittadini avvalendosi dei privati». Secondo l’assessore Micelli, la delibera sulle osservazioni ha mantenuto intatto lo spirito del Piano, respingendo la gran parte delle richieste di cambi d’uso (accolti solo 5,8 ettari su 1254). Tra le novità previste dal Pat, appunto quella sulle grandi navi che dovranno trovare una soluzione alternativa, la destinazione industriale di Marghera e la produzione «verde», la concentrazione della nuova edificazione in alcune aree.

link articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui