Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Codello, il Ministero ha deciso la proroga

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

dic

2012

A Palazzo Ducale il decreto di nomina non è ancora arrivata. Ma a Roma la decisione è stata presa. La soprintendente Renata Codello è stata confermata per altri tre anni dal ministro Lorenzo Ornaghi al vertice della Soprintendenza veneziana ai Beni Archiettonici e Paesaggistici di Venezia. Una notizia attesa, che dovrà essere formalizzata adesso dal direttore regionale Ugo Soragni. Si stabilizza in questo modo almeno fino al 2014 l’assetto delle soprintendenze veneziane. Soragni rimarrà anch’egli al suo posto fino alla pensione, che dovrebbe scattare tra un anno e mezzo. Codello è al suo terzo mandato a Palazzo Ducale. Architetto di zona da molti anni, era stata nominata dal ministro del governo Prodi Francesco Rutelli con il parere favorevole dell’allora sindaco Massimo Cacciari nel 2006. Nell’agosto 2008 la conferma del ministro del governo Belusconi Sandro Bondi, poi confermata dopo aver vinto il concorso nazionale per soprintendente nel 2009. Adesso infine il terzo mandato, firmato dal ministro del governo tecnico di Mario Monti. Esperta in restauri, originaria di Pieve di Soligo, l’architetto Codello è stata direttore dei lavori per la trasformazione dell’ex convento degli Incurabili, e adesso delle Gallerie dell’Accademia. Apprezzata dagli enti locali e da molti esperti per il suo rigore, ha incontrato qualche contestazione ad opera dei comitati ambientalisti per i pareri su alcune grandi opere e per la non opposizione alle grandi navi. «La città non può essere ingessata», è la sua parola d’ordine. Adesso governerà Palazzo Ducale fino al 2015.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui