Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Grandi navi fuori dalla laguna”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

dic

2012

Il Comitato commenta con soddisfazione l’esito dalla votazione sul nuovo Pat

«Le navi incompatibili devono uscire dalla laguna. L’approvazione del Pat, che ha accolto in pieno il nostro emendamento sull’articolo 35, è un primo passo importante in questa direzione».

Il Comitato «No Grandi navi» saluta con soddisfazione l’approvazione da parte del Consiglio comunale del Piano di Assetto del Territorio. Che indica scelte precise sui grandi progetti: bocciano la sublagunare e il grande Quadrante di tessera, indicando la necessità di alternative immediate per le grandi navi.

«Finalmente il pallino torna in mano al Comune», dice il portavoce Silvio Testa, «unico organismo eletto democraticamente dai cittadini. Sono state bocciate le proposte del Porto e del suo presidente Paolo Costa per trasformare la città in una grande Rotterdam. Respinte anche le posizioni anacronistiche del presidente di Vtp Sandro Trevisanato».

Adesso occorre dar corso a quanto votato, dice il Comitato, realizzando al più presto gli studi super partes che dovranno indicare la quantità di inquinamento e di danno ambientale prodotto dalle navi in transito in laguna e davanti a San Marco.

«L’articolo 35 bis», dice il presidente di Ambiente Venezia Luciano Mazzolin, «prevede adesso che le navi troppo grandi siano estromesse dalla laguna, e una soglia di sostenibilità turistica massima, che dovrà tenere conto anche dei passeggeri delle navi da crociera».

La svolta, secondo i comitati, è che adesso la pianificazione delle aree portuali – che si basa sul vecchio Piano regolatore del 1908 e fino ad oggi è stata gestita dall’Autorità portuale – «dovrà essere gestita insieme al Comune»(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui