Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mirano. “Card per entrare in autostrada”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

dic

2012

Il Comune di Mirano scrive a Regione e Cav: «Carta servizi per ridurre le tariffe»

MIRANO. La Privilege Card per risparmiare in autostrada. Si fa concreta la proposta del Comune di Mirano, avanzata ieri in particolare dalla sponda centrista della maggioranza: il vicesindaco Annamaria Tomaello e il consigliere Giorgio Babato scrivono a Regione e Cav avanzando la richiesta in vista degli aumenti dei pedaggi previsti per gennaio:

«A Mirano esiste già una carta servizi nominativa denominata Privilege Card 2012-2016 dotata di doppia banda magnetica e in distribuzione a tutti i cittadini», spiegano gli esponenti Udc, «la carta permetterebbe di individuare in modo univoco i soggetti miranesi ai quali riconoscere il beneficio di percorrere il tratto liberalizzato e di viaggiare in direzione di Padova a tariffe non sproporzionate rispetto alla tratta percorsa».

Secondo i centristi sarebbero infatti incomprensibili gli aumenti prospettati nei mesi scorsi, in particolare per chi percorre il tratto da Vetrego a Padova est:

«Anziché incentivare l’utilizzo della rete autostradale, rischiano di indurre gli automobilisti a preferire l’uso delle strade comunali e provinciali, congestionandole ancor più di quanto già accade e vanificando i sacrifici patiti con la realizzazione del Passante. Da cui, tra l’altro, Mirano avanza 19 milioni di euro per la realizzazione di opere complementari a beneficio del territorio. Non ha senso che la Regione protesti nei confronti dei provvedimenti restrittivi del governo quando è il Veneto il primo a raggirare i propri enti locali non rispettando gli accordi». L’azione di Tomaello e Babato è stata tra l’altro subito appoggiata anche dall’assessore alla Mobilità del Comune di Venezia, Ugo Bergamo: «Sarebbe una valida risposta al problema che riguarda il transito liberalizzato nel tratto Vetrego-Mestre, idonea a neutralizzare i disagi enormi derivanti dalle uscite ed entrate contestuali di tutti o quasi gli automobilisti al casello».

(f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui