Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Si infiamma la polemica sulla grandi navi dopo le dichiarazioni del presidente di Vtp Sandro Trevisanato che ha criticato il voto del Consiglio comunale sull’articolo del Pat che prevede l’allontamento dcella grandi navi dalla laguna.

Il Comitato No Grandi Navi, che proprio ieri ha festeggiato un anno di attività, interviene sulla questione stigmatizzando le

«battaglie di retroguardia, come quella di Trevisanato, che annuncia il ricorso al Tar contro l’articolo del Pat che si prefigge l’estromissione dalla laguna delle navi incompatibili, col pretesto che il Comune non ne avrebbe i poteri. In più Trevisanato lancia il suo annuncio nello stesso giorno in cui il presidente dell’Autorià Portuale, Paolo Costa, avverte sempre dai giornali che si deve fare il terminale off shore perchè altrimenti il Mose ucciderà il Porto: che almeno sul tema dell’accessibilità in laguna delle navi troppo grandi si mettano d’accordo tra di loro».

Nel dibattito interviene anche il consigliere comunale della lista In Comune Beppe Caccia che dice:

«Il presidente di VTP, e la lobby ultraminoritaria che lui rappresenta, se la mettano via: con il Pat e nonostante le loro pesanti pressioni, la città si è democraticamente pronunciata e l’amministrazione comunale è impegnata seriamente nella ricerca di alternative che rendano le attività portuali del tutto compatibili con la città e l’ecosistema lagunare, difendendo la salute e l’ambiente e salvaguardando il lavoro nel settore. Ed il nuovo governo non potrà che tener conto e dare attuazione proprio alle scelte di allontanamento dalla Laguna del traffico navale da essa insostenibile, già compiute dal Consiglio Comunale».

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui