Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

NOALE. Via libera dalla giunta regionale al secondo stralcio del progetto di ricalibratura e sostegni sui sottobacini del Marzenego, ramo di Noale, e Rio Storto, a monte di Maerne. Il governo di Luca Zaia ha approvato il realizzo nei Comuni di Scorzè, Noale, Salzano e Martellago, rilasciando anche le autorizzazioni. L’obiettivo è migliorare la qualità delle acque che si sversano nella laguna di Venezia ma anche della sicurezza idraulica del territorio. È prevista una riduzione dell’azoto totale che si riversa in mare di 0,53 tonnellate l’anno e una diminuzione del fosforo totale di 0,02 tonnellate l’anno. Sono previste la ricostruzione di un ambiente fluviale naturale, creando delle golene e ricalibrando gli alvei, per un’estensione di circa sei chilometri e mezzo, e l’ottimizzazione della gestione idraulico ambientale delle cave di Martellago. Il costo complessivo degli interventi è stimato in un milione di euro. Nell’adottare il provvedimento, la giunta ha fatto proprio il parere favorevole, con prescrizioni, espresso all’unanimità dalla commissione regionale di Valutazione d’impatto ambientale (Via). (a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui