Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SCORZÈ – Una nuova struttura da 5mila mq

SCORZÈ – Il centro commerciale «Emisfero» in località Crosarona intende allargarsi. E non di poco. L’8 gennaio scorso, infatti, è stato pubblicato sull’albo pretorio del comune di Noale un avviso in cui si afferma che la Giano srl, ditta di Trebaseleghe cui dalla proprietà è stato commissionato il progetto, ha depositato negli uffici della Regione domanda di verifica («screening») per un’eventuale allargamento della struttura commerciale che sorge sui comuni di Noale, Scorzé e Trebaseleghe. Con questo passaggio in pratica si chiede agli uffici competenti di Palazzo Balbi se il progetto debba essere esaminato da una commissione Via, in modo da ottenere una valutazione d’impatto ambientale, positiva o negativa che sia. Nelle carte depositate anche negli uffici tecnici dei tre comuni interessati si esprime la volontà di ampliare l’edificio esistente con una nuova struttura da cinquemila metri quadrati sviluppata su due livelli. Al piano terra si allargherebbe la superficie di vendita, mentre il primo verrebbe destinato ad attività direzionale. L’area commerciale, quindi, passerebbe da 10.600 metri quadrati a 14.600. Quasi la metà in più. Del progetto, che si concentrerebbe solo su territorio noalese, se ne discuterà in una riunione di maggioranza nei prossimi giorni. Inevitabili le proteste dei commercianti della città: «Speriamo che il Comune non dia l’autorizzazione per la variante urbanistica – dichiara Ennio Gallo dell’Ascom – diversamente sarebbe difficile capire la politica commerciale dell’amministrazione». «La ciliegina sulla torta – afferma Giovanni Liziero di Confcommercio – il recupero del centro storico non si vede. Quando chiuderemo andremo tutti a fare la spesa all’Emisfero». (g.vat.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui