Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il sindaco di Mirano pretende cinque milioni entro il 2013 Puppato (Pd): audizione della Cav su viabilità e casello

MIRANO – Maria Rosa Pavanello batte cassa in Regione. Ora che ha pieno mandato del Consiglio comunale, che la scorsa settimana ha votato all’unanimità una mozione per chiedere il rispetto degli accordi, il sindaco ha portato il “caso Mirano” in prima commissione consiliare regionale, riunita martedì per discutere la legge finanziaria regionale, il bilancio di previsione 2013 e quello pluriennale per il triennio 2013-2015. Affrontato, tra i vari temi, quello relativo alle opere di compensazione per il Passante, con l’anomalia dei 19 milioni di euro necessari per realizzarle a Mirano, ma che il Comune non ha ancora visto. «Il Comune di Mirano non ha ancora ricevuto alcuna parte dei 19 milioni che gli spettano», ha spiegato il sindaco, «finora la Regione, su sollecitazione della giunta comunale, ha impegnato solamente 737 mila euro, di cui la metà destinati alla progettazione. Fondi, questi, non ancora materialmente erogati. Inoltre non sono mai stati realizzati gli interventi in programma, a partire dalla messa a dimora delle difese arboree e dell’installazione delle barriere fonoassorbenti. Provvedimenti raccomandati anche dalla commissione Valutazione di impatto ambientale del Ministero dell’Ambiente». Pavanello ha chiesto al Consiglio regionale di stanziare nel 2013 almeno la prima tranche di 5 milioni di euro sui 19 pattuiti che il Comune, secondo gli accordi stipulati, avrebbe dovuto ricevere entro il 31 dicembre 2010. Soldi necessari per sbloccare rotatorie, piste ciclabili e altre opere di attenuazione degli effetti negativi generati dal Passante. Interventi che Mirano continua a mettere in programma ogni anno, ma che non può far partire a causa dei fondi bloccati in Regione.

Si è parlato ovviamente anche del tornello di Vetrego, effetto perverso del mancato arretramento della barriera di Villabona. Tra i primi effetti della “visita” del sindaco in Regione c’è stato l’intervento della capogruppo del Pd Laura Puppato, che ha chiesto l’inserimento in agenda di un’apposita audizione dei vertici di Cav per dar modo alla società di spiegare lo stato di attuazione degli accordi.

Filippo De Gaspari

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui