Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Marghera, Energia dai rifiuti per tre anni

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

gen

2013

MARGHERA – Rinnovata la convenzione tra Enel e Veritas per la trasformazione del Cdr

Un sito unico a Jesolo accorperà le discariche esistenti in provincia

Discariche sul territorio provinciale ridotte a un unico punto di raccolta a Jesolo (dove finisce solo il 6% dei materiali raccolti). Energia ricavata dallo smaltimento di 60mila tonnellate di rifiuti annue prodotti da 150mila residenti del territorio. Qualche sacrificio in più nella raccolta differenziata per gli utenti, ma un ambiente in cui respirare più pulito.
Sono tre dei punti cardine che ruotano attorno all’esperienza avviata nel 2008 tra la centrale Enel «Palladio» di Fusina ed Ecoprogetto, la società controllata di Veritas che gestisce lo smaltimento dei rifiuti in provincia e che ieri è stata rinnovata per altri tre anni con l’ambizioso obiettivo di valorizzare 210.000 tonnellate di CDR (combustibile derivato dai rifiuti) in tre anni, pari a 70mila tonnellate all’anno.
46.000 tonnellate nel 2010, 56.000 nel 2011, quasi 58.400 nel 2012, vero e proprio record e “best practice” internazionale: questa l’escalation che ha preceduto la firma del protocollo d’intesa che fa proseguire il progetto sottoscritto da Gianfilippo Mancini, direttore di Enel – della Divisione Generazione e Energy Management, Adriano Tolomei, amministratore delegato Ecoprogetto Venezia, alla presenza del sindaco Giorgio Orsoni, e Andrea Razzini, amministratore delegato di Veritas.
Il lavoro condotto sino ad oggi rappresenta un’esperienza unica nel panorama italiano ed ha permesso di dare un’alternativa concreta, efficace e di forte valenza ambientale al conferimento dei rifiuti in discarica. «Grazie a questa sinergia – ha annunciato Andrea Razzini – Se arriveremo al potenziale obiettivo di riuscire a smaltire 100mila tonnellate annue di rifiuti come standard la Provincia sarà autosufficiente per 30 anni nello smaltimento dei rifiuti».
«I dubbi con cui è partita questa iniziativa sono stati dissipati grazie alla stretta collaborazione con il Comune, Veritas ed Ecoprogetto e i suoi uomini – ha poi spiegato il direttore Mancini – L’obiettivo delle 70mila tonnellate di smaltimento pone a zero il problema dei rifiuti in laguna e aiuterà a ridurre anche i consumi di energia agli utenti. La centrale Enel di Fusina diventa così l’emblema della sostenibilità»
Ulteriore novità del prossimo triennio è l’entrata in servizio di due autovetture elettriche Peugeot iOn con i loghi delle aziende partner che saranno a disposizione del personale e che attraverso la scritta «Diamo energia ai tuoi rifiuti» ricorderanno ai cittadini il valore sociale, economico ed ambientale della collaborazione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui