Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Il ministero studia la Tav lungo la ferrovia

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

gen

2013

TRASPORTI I vantaggi del tracciato affiancato nel rapporto del commissario Mainardi

Tav Venezia-Trieste in affiancamento alla linea ferroviaria da Mestre a Portogruaro: anche il ministro Corrado Passera studia il progetto.

Gli uffici ministeriali stanno valutando con attenzione la proposta avanzata dal commissario straordinario. A comunicarlo sono gli onorevoli Rodolfo Viola e Simonetta Rubinato che, assieme ad altri deputati Pd, avevano presentato un’interrogazione per conoscere il contenuto del rapporto presentato da Bortolo Mainardi al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, oltre che al Presidente della Regione Veneto. Una soluzione, quella del tracciato in affiancamento all’attuale ferrovia, sostenuto dalla stragrande maggioranza dei Comuni del territorio. «Le parole del ministro Passera – afferma l’onorevole Rubinato – vanno nella direzione di quanto auspicato dai sindaci, ovvero che la realizzazione dell’intervento dovrà avvenire prima di tutto con la modernizzazione e potenziamento della linea ferroviaria esistente, e solo successivamente con il quadruplicamento della stessa linea. Sarà necessario riavviare il confronto con il territorio sulla scelta più opportuna da adottare». «Comunque – aggiunge Rodolfo Viola – prima di procedere, dovranno essere individuate le soluzioni progettuali in grado di ridurre, se non eliminare, gli impatti nell’attraversamento dei centri abitati».
Il Ministero delle infrastrutture ha confermato infatti che nel rapporto del commissario Mainardi vengono messi in evidenza i maggiori vantaggi del progetto del corridoio “quadruplicamento”, in particolare la minore lunghezza del tracciato (57,2 chilometri invece che 61,5), il modesto impatto ambientale, la mancata consumazione di terreni agricoli, le ridotte interferenze e la massima flessibilità per la fase di realizzazione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui