Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira, Corteo sulle strade del pericolo

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

gen

2013

MIRA – Protesta di una sessantina di persone da Piazza Municipio a Porto Menai

Gli organizzatori: «Le soluzioni non sono facili, ma vogliamo un confronto»

«Se fosse stato facile trovare delle soluzioni per garantire la sicurezza lungo queste strade oggi non saremmo qui. Ma dobbiamo discutere e difendere i nostri diritti di residenti e cittadini».

Questo il segnale lanciato ieri mattina da una sessantina di persone, molti adulti, diversi anziani e anche qualche bambino, durante la passeggiata – corteo intitolata “Zona temporaneamente libera per una nuova viabilità a Mira”.
Scortati dalla polizia municipale, che li ha protetti dalle auto che sfrecciavano incuranti lungo le vie Argine destro e sinistro Nuovissimo Canale Taglio, da piazza del Municipio a Porto Menai, i cittadini hanno passeggiato e discusso di possibili soluzioni. Ipotesi che saranno oggetto di un incontro giovedì prossimo, 31 gennaio, alle 18 nel Centro civico di Piazza Vecchia.
Poco più di un anno fa, proprio lungo questa strada, si svolse un’altro corteo, molto più mesto, in ricordo di Medhi il ragazzino annegato nel canale mentre si recava a scuola in bicicletta.

«Ho visto un’anziana travolta di fronte a casa mia. Questa è una zona residenziale abbiamo il diritto, come persone, pedoni e ciclisti, di essere tutelati»

commenta Bally Marie-France francese che da due anni vive con la sorella in questa strada.

«Il manto stradale è tutto una buca – spiega un’altro residente, Danielo – l’illuminazione è praticamente inesistente e uscire di casa a piedi è impossibile».

Tra i partecipanti al corteo anche Mattia Donadel, capogruppo della lista Mira Fuori del Comune, e l’ex consigliere della Lega Nord Cesare Renier.
L’iniziativa di ieri era promossa dal “Movimento Mira2030″ e dall’associazione “Hilarius”.

«Vogliamo confrontarci sulle possibili soluzioni – spiega Olivia Fagnoni tra gli organizzatori – con un approccio improntato alla partecipazione e che porterà a raccogliere proposte, idee, ma soprattutto a riflettere insieme a chi vive quotidianamente il problema della viabilità su queste strade».

In questa settimana sono stati distribuiti ai residenti degli Argini, di via Porto Menai e delle strade adiacenti, più di 600 questionari che verranno raccolti e saranno oggetto di dibattito giovedì prossimo.

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui