Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Risposta a Viola e Rubinato (Pd): «Stiamo studiando attentamente il progetto»

Pieno appoggio al tracciato sostenuto dai sindaci del litorale e dalla Provincia

Alta Velocità Venezia-Trieste: il governo “apre” all’idea di tracciato in affiancamento all’attuale ferrovia, così come ipotizzato da Bortolo Mainardi. Il dossier predisposto dal commissario per la Tav è sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico e gli uffici governativi ne stanno valutando con attenzione la proposta contenuta. Ovvero, prima il potenziamento della linea attuale e solo poi l’eventuale quadruplicamento in affiancamento ai binari attuali.

A confermarlo è stato lo stesso ministro Corrado Passera, che ha risposto a un’interrogazione presentata da alcuni parlamentari del Partito Democratico (tra cui i rappresentanti di zona Rodolfo Viola e Simonetta Rubinato), per conoscere i contenuti del dossier presentato da Mainardi.

Nel prendere atto dell’esistenza di un’ipotesi alternativa al contestatissimo percorso litoraneo, Passera ha assicurato che il Ministero sta valutando con molta attenzione la proposta. E nella risposta non si manca di elencare i vantaggi che il dossier Mainardi evidenzia a favore del tracciato in affiancamento: la minore lunghezza del tracciato (57,2 chilometri anziché 61,5), il modesto impatto ambientale con il mancato consumo di terreni agricoli, le ridotte interferenze nonché la maggiore flessibilità realizzativa, essendo il progetto suddiviso in stralci.

Insomma, il tracciato in affiancamento sembra piacere anche al ministro Passera. Per quanto possa valere il parere di un governo ormai in scadenza, si tratta comunque di un riconoscimento del giudizio espresso a maggioranza dai Comuni del territorio e dalla stessa Provincia di Venezia.

«Accogliamo con soddisfazione le parole del ministro Passera che confermano quanto dai sindaci auspicato, ovvero che la realizzazione dovrà avvenire prima di tutto con la modernizzazione della tratta esistente e solo successivamente con il quadruplicamento della stessa linea», commentano gli onorevoli Rubinato e Viola, «in ogni caso sarà necessario riavviare il confronto con il territorio sulla scelta più opportuna da adottare. Prima di procedere dovranno essere individuate le soluzioni progettuali tese a ridurre, se non a eliminare, gli impatti nell’attraversamento dei centri abitati. Apprendiamo con piacere che la proposta fatta dal Pd del passaggio in tunnel viene oggi rilanciata dall’assessore Chisso, citato nella risposta del Ministro». Dopo tante discussioni e ipotesi, sembra finalmente prendere corpo il progetto che è stato caldeggiato dai sindaci come il meno impattante verso il territorio.

Giovanni Monforte

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui