Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CONSORZIO DI BONIFICA

SALZANO – Un progetto da un milione di euro per migliorare la sicurezza idraulica e contro l’inquinamento in un’area di 4.300 metri quadrati compresa tra quattro comuni: Salzano, Martellago, Scorzé e Noale.
Si tratta degli interventi previsti sul rio Storto e sul rio Moniego, sottobacini del Marzenego, che consisteranno soprattutto nella posa di piante per la fitodepurazione delle acque, nella costruzione di manufatti in calcestruzzo a salvaguardia di argini e canali, e nello scavo dei letti. Alcune anse verranno allargate per formare delle golene con canneto e, per regolare il livello del rio Storto, verranno costruite due paratoie di sbarramento, una a nord dell’abitato di Robegano, l’altro circa 300 metri a monte del Passante di Mestre. Il Consorzio di bonifica “Acque Risorgive” attende ora solo il definitivo nulla osta della Direzione regionale Progetto Venezia: «Una volta completato l’iter progettuale – spiega il direttore del Consorzio Carlo Bendoricchio – potremo aprire i cantieri». I lavori si concentreranno sui tratti del rio Storto dall’intersezione con il Passante di Mestre alle abitazioni più a est di Robegano, estendendosi fino alla confluenza con il rio Moniego e fino all’intersezione con la futura strada statale 515 “Noalese”. (g.vat.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui