Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Romea commerciale? Non serve”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

gen

2013

Opzione Zero attacca la Regione: progetto superato e inutile per colpa della crisi

DOLO

«La Romea commerciale? Non si regge dal punto di vista finanziario.La crisi l’ha resa un’opera anti economica, inutile e dannosa dal punto di vista ambientale. La Regione si intestardisce su un progetto privo di logicità, di fatto già morto».

Durissima posizione dei comitati “Opzione Zero” con i portavoce Rebecca Ruvoletto e Lisa Causin che smontano la tesi dell’assessore Renato Chisso secondo il quale l’opera è in programma a partire dal 2014 e sta in piedi dal punto di vista finanziario. Le critiche erano state fatte dai comitati chiedendo che si mettesse in sicurezza la Romea attuale, funestata da troppi incidenti e constatando che dopo la crisi, che continua dal 2008, il traffico sulla statale 309 attuale è diminuito del 30%.

«La Orte-Mestre» spiega Opzione Zero «è un progetto del 2001, travolto dalla crisi economica e chiaramente inutile, se non per avvantaggiare le lobby del cemento che fanno profitti sulle opere in project financing. Sulla Orte-Mestre ci saranno inoltre i project bond, obbligazioni garantite e coperte dalla Cassa Depositi e Prestiti con i soldi del risparmio postale. Da luglio 2012 la Regione ha proclamato l’imminente approvazione della Romea Commerciale. Ma il tentativo di arrembaggio si è fermato trovando l’ostacolo del Ministero dell’Economia, ben prima delle dimissioni del governo. Perché? “Problema tecnico”, rispondono i tecnici. Ma l’ostacolo sembra, più nel dettaglio, di natura economica, data l’impossibilità di trovare un accordo tra Ministero delle Infrastrutture ed Economia per finanziare l’opera. Il piano economico- finanziario è un fantasma che non si mostra poiché proverebbe l’insostenibilità della Romea commerciale».

I comitati rincarano la dose contro la Regione che a tutti i costi vuole partire

«Evidentemente, per l’assessore Chisso» continuano Causin e Ruvoletto «l’opera è finanziariamente solida perché pagata dai cittadini risparmiatori, con gli stessi stratagemmi che abbiamo visto per il Passante di Mestre e che portano ai noti aumenti dei pedaggi. Queste opere non stanno in piedi da sole e il 44% sono ferme al palo (dati Ance) per problemi economici». Durissimo l’attacco finale. «Questa classe politica» conclude «dietro ai termini “sviluppo” e “crescita” maschera scelte devastanti sotto i profili ambientale, territoriale ed economico. E i debiti vengono poi scaricati sulle tasche dei cittadini».

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui