Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Tav, faccia a faccia naturalisti-commissario

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

31

gen

2013

ALTA VELOCITA’ – Incontro sul progetto al Museo di Storia Naturale tra Bonometto e Mainardi

I naturalisti e il commissario. La grande opera a confronto con i difensori dell’ambiente e della natura. Un faccia a faccia che ha un sapore di svolta, quello organizzato per il 7 febbraio prossimo al Museo di Storia Naturale di Venezia. Faccia a faccia tra il commissario straordinario per la Tav, il treno ad Alta Velocità, Bortolo Mainardi, e la Società veneziana di Scienze Naturali, che festeggia quest’anno il ventennale della sua fondazione.

«Potrebbe davvero essere una piccola svolta», dice soddisfatto il presidente della Società di Scienze naturali Lorenzo Bonometto, «perchè per la prima volta proviamo a invertire il percorso: se la grande opera è necessaria e si deve fare, bisogna evitare errori come in Val di Susa, o interventi a posteriori come le mitigazioni. Insomma, inserire la cultura del paesaggio nella progettazione delle grandi opere».

Un lungo confronto con Mainardi, ex sottosegretario e assessore regionale, uscito dalla politica e ora «recuperato» come commissario Tav. Le associazioni hanno avanzato le loro proposte e il tecnico le ha in parte recepite. «La litoranea non si può fare, la Tav è un sogno lontano, ha tempi e costi insostenibili: meglio potenziare le linee ferroviarie esistenti che sono sottoutilizzate», ha detto qualche giorno fa.

Ecco allora che il confronto è diventato «operativo». «Crediamo nel ruolo propositivo e non soltanto di critica dell’associazionismo», dice Cristiano Gasparetto, architetto di Italia Nostra anche lui invitato al dibattito. Primo punto, il rispetto del territorio.

«Il primo progetto era stato disegnato come se il territorio non esistesse», dice Bonometto, «una linea che avrebbe dovuto attraversare la gronda lagunare e correre sull’acqua con fermata a Jesolo. Un’Alta Velocità che ferma a Jesolo… per fortuna quel progetto sostenuto dalla Regione di Galan e dalla Lega è stato fermato».

Il confronto pubblico sulla Tav fra Mainardi e i rappresentanti della Società di Scienze Naturali si terrà il 7 febbraio alle 17.30 al Museo di Storia Naturale.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui