Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Veneto mangiato dal cemento

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

feb

2013

LO STUDIO – Indagine dell’Istituto per la protezione ambientale: in Italia divorati 8 metri quadrati al secondo

È la seconda regione per suolo consumato, dopo la Lombardia

Il Friuli V.G. si salva. A Venezia spariti 7.000 ettari in 13 anni

SUOLO SPARITO –  Il consumo di suolo in Veneto per il periodo 1983 – 2006, è stato di 331,59 chilometri quadrati (33.158,93 ettari) pari all’1,8% della superficie regionale

Il Veneto finisce ancora una volta sul podio, ma in questo caso la medaglia non è di quelle che fanno sorridere dato che si parla di cementificazione del territorio. L’indagine dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) sul consumo del suolo in Italia vede il Veneto al secondo posto alle spalle della Lombardia (viene stimato l’8,5-10,5% di suolo consumato contro il 9-12%), prima di Lazio ed Emilia Romagna (terze con 7,5-9%). Solo altre sue regioni superano la soglia dell’8%: Campania e Puglia. Più in basso il Friuli Venezia Giulia con 4,5-7,5%).
Un quadro molto cambiato dalla fotografia fatta nel 1956, quando la graduatoria delle regioni più cementificate vedeva in testa la Liguria, che superava di poco la Lombardia con quasi il 5% di territorio consumato, distaccando tutte le altre. Il lavoro analizza i valori relativi alla quota di superficie “consumata”, incluse aree edificate, coperture del suolo artificiali (cave, discariche e cantieri) e tutte le aree impermeabilizzate, non necessariamente urbane (infrastrutture). Sono escluse, invece, le aree urbane non coperte da cemento e non impermeabilizzate.

Negli ultimi anni il consumo di suolo in Italia è cresciuto ad una media di 8 metri quadrati al secondo. Come dire che ogni anno viene cementificata una superficie pari alla somma dei comuni di Milano e Firenze. In termini assoluti, l’Italia è passata da poco più di 8mila chilometri quadrati di consumo di suolo del 1956 ad oltre 20.500 nel 2010, un aumento che – sostiene lo studio Ispra – non si può spiegare solo con la crescita demografica: se nel 1956 erano irreversibilmente persi 170 metri quadrati per ogni italiano, nel 2010 il valore raddoppia, passando a più di 340.

Basta guardare i dati sul consumo di suolo in Veneto tra il 1993 e il 2006 (l’ultimo rilevamento fatto dal Tavolo tecnico permanente di sviluppo disciplinare della Regione Veneto) per avere il polso del fenomeno:

Verona è in testa con più di 10.000 ettari, seguita da Venezia con poco meno di 7.000 e Padova (5.000). Ci sono poi Treviso , 4.500 ettari, Vicenza (3.500). Chiudono Rovigo (1.500 ettari) e Belluno (1.000). Totale: 331,59 chilometri quadrati. In pratica la superficie che si ottiene mettendo insieme i territori comunali di Padova, Treviso, Vicenza e Rovigo.

Il problema in regione è sentito e lo dimostra l’appello lanciato sul finire dello scorso dicembre dalle forze economiche e produttive del territorio, da Confindustria a Confcommercio, da Confartigianato a Confcooperative. “Basta sprecare territorio!” spiccava a caratteri cubitali sulla richiesta rivolta alla Regione Veneto di imboccare la strada per uno sviluppo e una crescita sostenibili, che tra gli altri punti, chiedeva di “intraprendere un’azione di Governo locale condivisa per ridurre a zero il consumo di suolo”.
La Regione Veneto però si è appena presa una bacchettata da Confcommercio, dopo l’approvazione a fine 2012 da parte dell’assemblea legislativa del provvedimento sul commercio, che «va nel senso esattamente contrario alle affermazioni dei leader regionali – accusa l’associazione – a cominciare dal presidente Luca Zaia, per continuare con il vicepresidente Marino Zorzato e con l’assessore Maria Luisa Coppola, che hanno più volte dichiarato: “Basta consumo di suolo e cementificazione del Veneto”»

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui