Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “L’Alta Velocita’ e’ ormai morta”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

feb

2013

Legambiente dopo l’incontro con il commissario straordinario Mainardi

«L’Alta Velocità Venezia-Trieste è un’idea ormai morta da un pezzo, ora pensiamo a collegamenti per i pendolari più efficienti, frequenti e diffusi sul territorio».

Legambiente rilancia il dibattito sul trasporto ferroviario nel Veneto Orientale, dopo che il commissario straordinario Bortolo Mainardi ha rotto il silenzio calato sul tema. Intervenendo a un convegno promosso dalla società veneziana di scienze naturali, Mainardi ha ribadito il giudizio negativo sull’ormai abbandonato tracciato litoraneo (definito «funambolesco») e ha lanciato l’idea di costituire una sorta di authority per le infrastrutture del Nordest, così da gestire le poche risorse disponibili e mettere attorno a un unico tavolo le ragioni dello sviluppo con quelle di chi difende il territorio.

Un messaggio letto come l’accantonamento definitivo della Tav e l’apertura agli ambientalisti.

«In realtà il progetto di Tav inteso come Alta Velocità è morto già quando Mainardi ha preso in mano la questione e ci sono stati i primi segnali di abbandono del progetto litoraneo», spiega Maurizio Billotto di Legambiente Veneto Orientale, «per questo abbiamo sollecitato che anche nel dibattito non si citi più il concetto di Tav. È appurato che qui l’Alta Velocità è inutile e fuori contesto economico, sociale e territoriale. Ma che il concetto di Tav fosse sepolto lo aveva già detto Mainardi iniziando a parlare di saturazione e potenziamento».

Il riferimento è alla bozza Mainardi, quella poi sposata da gran parte dei Comuni, che prevede il potenziamento della linea attuale fino alla sua saturazione e poi l’eventuale quadruplicamento. Non per la Tav, ma per potenziare i collegamenti locali, quando tra una ventina d’anni la linea attuale sarà satura. Ed è da qui che Legambiente vuole ripartire nella discussione.

«Per noi il quadruplicamento è funzionale solo ad avere da un lato il progetto della metropolitana di superficie e dall’altra parte un collegamento un po’ più veloce tra i centri di interesse regionale e non la Tav», conclude Billotto, «se ci si vuole sostituire alla gomma serve un’infrastruttura con maggior portata. Ma bisogna deciderlo con una programmazione fatta con tutti i Comuni e il territorio per salvaguardare chi ha delle proprietà e abita vicino alle aree da infrastrutturare perché questi abbiano il giusto indennizzo e siano messi in una condizione di vivere salubre».

Giovanni Monforte

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui