Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

dolo e pianiga

DOLO. Proseguono le indagini per scoprire gli autori dell’azione goliardica di venerdì notte quando sono stati posizionati una ventina di cartelli stradali indicanti “Veneto City” e “Fraz.ne di Veneto City” nei comuni di Dolo e di Pianiga. Ieri sono stati visionati i filmati delle telecamere dislocate lungo le principali arterie del territorio che però non hanno permesso di capire chi siano stati gli autori del gesto. L’atto goliardico, che può essere interpretato come un gesto carnevalesco, si è focalizzato nei comuni di Dolo e di Pianiga dove nel dicembre 2011 i due consigli comunali avevano ratificato, non senza polemiche, l’accordo di programma che aveva “aperto la strada” al grande centro del terziario avanzato. I cartelli stradali di Veneto City erano stati preceduti da un altro atto goliardico, avvenuto la notte di Natale del 2011, quando era stato posizionato nel giardino del municipio un albero di Natale, con la base di un water, che conteneva le foto di Veneto City e della maggioranza di centrodestra che aveva approvato l’accordo di programma. Dopo la scoperta i cartelli erano stati tolti dai vigili che avevano anche mappato il loro posizionamento. (g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui