Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Idrovia, nessun aiuto dalla Ue”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

feb

2013

LO RIVELA L’EURODEPUTATO ZANONI

Idv contro la Regione: ha escluso il progetto dalle opere prioritarie

PADOVA – Niente fondi europei per il completamento dell’Idrovia Padova – mare. Andrea Zanoni, eurodeputato dell’Italia del Valori, punta il dito contro la Regione:

«La giunta Zaia non ha chiesto alcun aiuto all’Unione Europea per un progetto che ridurrebbe il rischio di future inondazioni».

Il parlamentare spiega di aver chiesto informazioni in merito al commissario per le politiche regionali Johannes Hahn, il quale ha risposto che

«Per quanto riguarda possibili stanziamenti del Fondo europeo di sviluppo regionale a favore dell’Idrovia, il programma per il Veneto 2007-2013 non prevede la possibilità di finanziare progetti per migliorare il trasporto per via navigabile. Nel gennaio 2011 le autorità italiane hanno richiesto l’assistenza finanziaria del Fondo di solidarietà dell’Unione europea per le inondazioni che hanno colpito il Veneto nell’ottobre 2010», aggiunge Hahn «nella zona più severamente colpita, lungo il bacino del fiume Bacchiglione la Commissione ha riconosciuto danni diretti per 676 milioni e ha concesso aiuti per 16,9 milioni».

Ma Zanoni critica il fatto che, nonostante l’elevato rischio idrogeologico del territorio, negli aiuti non sia stato incluso il progetto dell’Idrovia.

«E’ un’assurdità» incalza «magari per favorire la camionabile, della quale la giunta regionale dovrà assumersi tutte le responsabilità in caso di nuovi disastri ambientali. Il commissario Hahn conclude ricordando che se le autorità italiane decideranno di finanziare il progetto dell’Idrovia, andranno applicate la direttiva sulla valutazione dell’impatto ambientale e la direttiva quadro sulle acque».

Nicola Stievano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui