Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Elettrodotto, al via gli espropri

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

feb

2013

DOLO – Prosegue l’iter per la realizzazione dell’elettrodotto da 380 kv Dolo-Camin e di quello del Vallone Moranzani che sono inseriti nel progetto per la razionalizzazione della rete ad alta tensione Venezia-Padova. Terna, società che realizzerà le opere, avvisa che oggi sugli albi pretori dei Comuni interessati sarà pubblicato l’avviso di occupazione d’urgenza delle aree catastali interessate dall’elettrodotto Dolo-Camin. «L’occupazione d’urgenza sostanzia il vincolo preordinato all’asservimento, già apposto dal decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, con cui ad aprile 2011 è stato autorizzato l’intervento», spiega la società in una nota, «e consente l’immissione in possesso delle aree. Al contempo, secondo legge, sono state determinate le indennità provvisorie da corrispondere ai proprietari degli immobili interessati dagli interventi, molti dei quali hanno già scelto di sottoscrivere con Terna Rete Italia accordi bonari di asservimento». Il piano di razionalizzazione della rete elettrica ad alta tensione Venezia-Padova, di cui fa parte anche l’elettrodotto Dolo-Camin, prevede l’abbattimento di oltre cento chilometri di vecchi elettrodotti, l’interramento di 60 chilometri di linee a fronte di 33 chilometri di nuova rete. I cantieri del Dolo-Camin, conclusi gli interventi nella stazione elettrica di Camin, proseguono nei terreni demaniali già asserviti all’Idrovia Padova-Venezia con la realizzazione delle fondazioni per l’installazione dei sostegni monostelo che vengono usati per la prima volta in Veneto. Nelle prossime settimane saranno avviate le attività per l’interramento delle linee esistenti nel Vallone Moranzani, che è parte integrante del progetto di razionalizzazione della rete elettrica ad alta tensione tra Venezia e Padova.

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui