Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SAONARA – È stato pubblicato all’albo pretorio del Comune di Saonara, come di tutti gli altri Comuni dove passerà l’elettrodotto Dolo-Camin, l’avviso di occupazione d’urgenza delle particelle catastali interessate dal progetto. L’avviso di occupazione permette alla società Terna, che costruirà l’elettrodotto, l’immissione in possesso delle stesse aree; nello stesso tempo sono state già determinate le indennità provvisorie da corrispondere ai proprietari espropriati. Nato per razionalizzare la rete elettrica tra Padova e Venezia, il progetto sta incontrando forti resistenze tra le popolazioni delle zone dove passerà il tracciato. Il 30 aprile si attende il giudizio del Consiglio di Stato, presso il quale ha fatto ricorso contro l’opera il Comune di Saonara. «Abbiamo già spiegato ai proprietari delle aree soggette ad asservimento all’elettrodotto di non intavolare personalmente trattative per l’indennità con i funzionari di Terna ma di affidare la questione a un avvocato, per fare opposizione», interviene Adone Doni della rete dei comitati civici. «Nel frattempo stiamo analizzando i decreti di occupazione. La nostra impressione è che Terna voglia accelerare al massimo i tempi, per timore del pronunciamento del prossimo 30 aprile». Patrizia Rossetti

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui