Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

L’autostrada aumenta i prezzi, ma fa lo sconto ai residenti. Per risolvere gli ingorghi al casello di Dolo, dove i pendolari della tratta Mestre-Padova escono e rientrano per godere del pedaggio gratuito tra Mestre e Dolo, la Cav ha deciso che Mestre-Padova e Mirano-Padova avranno lo stesso prezzo. Ma non per i residenti: avranno lo sconto.

AUTOSTRADA La proposta di Cav al ministero

Pedaggio scontato per i residenti nella zona del casello Dolo-Mirano

AUTOSTRADA Cav starebbe pensando di estendere la riduzione non solo ai pendolari diretti a Padova

Per ora si parla di Dolo, Mirano, Mira e Pianiga, attraverso un telepass

L’aumento del pedaggio sulla tratta Mirano-Padova ci sarà, le riduzioni per i pendolari pure. Tutto confermato sul fronte delle tariffe autostradali, ma sembra spuntare un’importante novità: Cav starebbe pensando di allargare le riduzioni a tutti i residenti dei Comuni interessati, e non solo ai pendolari.
Per ora si parla sicuramente di Mirano, Dolo, Mira e Pianiga, mentre per gli altri se ne saprà di più nei prossimi giorni. Martedì alle 17.30 il municipio di Vigonovo ospiterà la Conferenza dei sindaci della Riviera, a cui sono stati invitati pure tutti i primi cittadini del Miranese. Il tema caldo all’ordine del giorno sarà proprio la politica tariffaria che la società autostradale Cav intende intraprendere, con il presidente Tiziano Bembo che ha già confermato la propria presenza. «La società ha predisposto un progetto che recepisce per alcune categorie di utenti delle agevolazioni tariffarie – si legge nella lettera scritta martedì dallo stesso Bembo a tutti i sindaci -. Il piano sarà sottoposto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e solamente dopo l’approvazione si potrà procedere con l’attuazione della nuova politica tariffaria».
È probabile dunque che l’applicazione del nuovo pedaggio slitti almeno ad aprile. La questione è nota: per risolvere il nodo degli ingorghi al casello di Mirano-Dolo (dove i pendolari della tratta Mestre-Padova escono e rientrano per godere del pedaggio gratuito tra Mestre e Mirano), Cav ha deciso di uniformare le due tariffe. Mestre-Padova e Mirano-Padova costeranno dunque lo stesso, si parla di 2,50 o 2,60 euro: sorridono i pendolari mestrini, che attualmente pagano 3,20 euro per andare a Padova Est, mentre serpeggia già il malumore per chi attualmente compie il tragitto Mirano-Padova pagando 80 cent. Secondo le indiscrezioni che filtrano dalla sede di Cav, lo sconto sarà di circa un euro e si parla di estenderlo a tutti i residenti, non solo ai pendolari come previsto inizialmente. I cittadini di alcuni comuni della Riviera e di Mirano pagherebbero dunque un euro in meno (1,50 o 1,60 euro di pedaggio per Padova est), meno rispetto agli altri ma comunque il doppio rispetto ad ora. Martedì il piano dettagliato potrebbe essere presentato alla Conferenza dei sindaci, e Cav ha già fatto sapere che una condizione indispensabile per godere delle tariffe agevolate sarà l’utilizzo di un telepass.

 

  1. 2 Comments

    • Enrico says:

      Salve, abito a Padova, lavoro a Mestre. State chiedendo troppi soldi a lavoratori e cittadini. Pochi chilometri autostradali non posso avere un pedaggio così elevato! Riflette se possibile, con un pò di buon senso, anche perché tanti si riverseranno sulla Riviera del Brenta, con ovvie conseguenze! Saluti.

    • Michele says:

      Mestre – Padova Ovest 4 euro a tratta

      Mestre – Padova ovest uscendo e rientrando a Dolo 1,50 euro

      Vorrei capire esattamente con la parola “furbetti” a chi ci si riferisce.

      E’ una vergogna e sarei desideroso di conosce i nomi delle persone che sono direttamente coinvolte. non ci si può nascondere DIETRO le sigle tipo CAV o AUTOSTRADE. VOGLIO I NOMI !!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui