Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Per il momento non si è entrati nel merito del progetto della “Piattaforma logistica – autostrada del mare” nell’area ex Alumix a Fusina. Ma la Commissione di Salvaguardia ha chiesto delle integrazioni al progetto presentato da Autorità Portuale che prevede la realizzazione di una darsena con quattro ormeggi capaci di ospitare contemporaneamente altrettante navi per servire sia i traghetti che trasportano i camion o i loro rimorchi, sia quelli che possono portare anche auto e passeggeri.
Il progetto prevede anche la realizzazione di una piattaforma logistica dotata di infrastrutture viarie e ferroviarie e di nuovi fabbricati (tra cui anche alberghi e uffici), magazzini, piazzali portuali e parcheggi, per un’area complessiva di circa 36 ettari. Ma prima di procedere, ha chiesto la Salvaguardia, è necessario che venga documentato il rispetto dell’accordo Moranzani, il patto che prevedeva che fosse predisposto un adeguato sistema di accessibilità da terra (su gomma e su rotaie) per garantire la separazione del traffico portuale dalla mobilità dei residenti, soprattutto degli studenti che gravitano intorno all’area da Marghera e da Malcontenta. Già ora gli abitanti si lamentano per l’insufficiente sicurezza delle strade, mettici poi che – stando agli accordi del Comune – nell’area dove è prevista la realizzazione della torre di Cardin dovrebbero essere eliminate gran parte delle rotaie, mettici che il traffico dei container, con altre quattro navi ormeggiate, potrebbe quanto meno raddoppiare, si capisce come la preoccupazione coinvolga qualche migliaio di persone. Altro appunto mosso dai commissari quello a proposito dei progetti edilizi, giudicati troppo schematici. Si tratta per la maggior parte di capannoni, è vero, che non richiedono particolari dettagli, ma tra le costruzioni ci sarebbero anche alberghi e uffici. E allora perché non approfittare per ridurre di uno o due piani i futuri edifici che si affacceranno sulla laguna, visto che si tratta di ridisegnare e riqualificare una zona che va ripensata radicalmente?

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui