Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Discarica, continuano i lavori di bonifica

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

2

mar

2013

via teramo a borbiago

BORBIAGO. Procedono spediti a Borbiago i lavori per la messa in sicurezza della discarica di via Teramo, mentre la riunione che era stata fissata dal Comune giovedì sera per spiegare l’intervento è stata rinviata a metà marzo. In via Teramo a Borbiago negli anni ’70 vennero sepolti in modo abusivo 7000 fusti tossico-nocivi delle produzioni di Porto Marghera e la discarica fu oggetto di indagini alla fine degli anni ’90 di una commissione parlamentare d’inchiesta. I fusti contengono ftalati e altre sostanze velenose. «I lavori di bonifica», spiega Guerrino Palmarini, portavoce per il comitato residenti che ha chiesto l’incontro, «continuano spediti. Il sindaco Alvise Maniero e l’ufficio Ambiente del Comune di Mira ci hanno spiegato che la bonifica è stata affidata alla ditta Golden per la realizzazione di un “campo di sperimentazione”. Si tratta di una tecnica particolare di messa in sicurezza di un sito inquinato. La discarica cioè verrà resa sicura attraverso l’iniezione nel terreno alla profondità di nove metri di un materiale isolante bituminoso che circonderà l’ammasso dei fusti tossici, per evitare che le sostanze finiscano nei vicini corsi d’acqua. L’intervento, partito ormai da due settimane, conferma Palmarini, è a buon punto ma si tratta di un intervento lungo, potrebbe anche durare mesi in caso di imprevisti. Intanto per la delimitazione della discarica sul versante laterale grazie a delle foto aeree e dei sondaggi sarà più facile creare nel terreno dei muretti di materiale isolante, una sorta di barriera di cemento in materiale speciale. Il costo dell’intervento vero e proprio si aggira sui 100 mila euro. Altre centinaia di migliaia di euro erano stati spesi per le progettazione e la caratterizzazione. (a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui