Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Tagli regionali, Actv vince al Tar

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

mar

2013

TRASPORTI PUBBLICI –  Il Tar boccia i tagli della Regione Veneto

VENEZIA – Tagli dei finanziamenti dalla Regione, nuovo round per le aziende di trasporto pubblico venete, in primis Actv. Il Tar del Veneto ha emesso ieri la sentenza che riconosce la fondatezza del ricorso presentato contro i tagli regionali. La sentenza, immediatamente esecutiva, riconosce ad Actv la restituzione da parte della Regione Veneto dei fondi non erogati per l’anno 2012. La sentenza bissa di fatto quella dello scorso luglio relativa ai finanziamenti del 2011, in cui il Tar evidenziava l’eccesso di potere, la contraddittorietà, la violazione delle leggi sugli obblighi di servizio, il difetto di istruttoria e la carenza di motivazione sulle scelte adottate da parte della Regione. Su quel fronte si attende però il pronunciamento del Consiglio di Stato.
Per il momento regna la soddisfazione dei ricorrenti. «Giustizia è stata fatta – ha dichiarato il Presidente di Actv Marcello Panettoni – Mi ritengo particolarmente soddisfatto del risultato appena raggiunto. Difficile stabilire già oggi l’entità del rimborso, ricordo solo che rispetto a quanto erogato nel 2010, Actv ha subito un taglio di fondi complessivo negli ultimi 2 anni di circa 21 milioni di euro. Desidero ringraziare personalmente per questo successo tutti gli uffici che hanno seguito la pratica e in particolare l’Avvocato Massimo Malena che condotto tutto l’iter fino al successo di oggi».

 

TRASPORTI La sentenza “restituisce” all’azienda parte dei fondi non erogati dalla Regione

Il ricorso denunciava come illegittimo il provvedimento di Palazzo Balbi sul servizio locale

TAR – L’Actv ha visto riconosciuti i propri diritti contro il taglio del servizio pubblico locale che era stato deciso dalla giunta regionale

Il presidente Panettoni era quasi certo di vincerlo quel ricorso. E i giudici del Tar gli hanno dato ragione. È stata emessa ieri la sentenza che dà ragione ad Actv, e alle altre aziende venete, contro gli immotivati tagli regionali al trasporto pubblico locale attuati lo scorso anno. La sentenza, immediatamente esecutiva, riconosce ad Actv la restituzione da parte della Regione Veneto dei fondi non erogati per l’anno 2012.
«Giustizia è stata fatta, mi ritengo soddisfatto del risultato appena raggiunto – ha dichiarato il Presidente Actv – Difficile stabilire già oggi l’entità del rimborso, ricordo solo che rispetto a quanto erogato nel 2010, Actv ha subito un taglio di fondi complessivo negli ultimi 2 anni di circa 21 milioni di euro. Desidero ringraziare personalmente per questo successo tutti gli uffici che hanno seguito la pratica e in particolare l’avvocato Massimo Malena che ha condotto tutto l’iter fino al successo di oggi».
Il ricorso si basava soprattutto sul fatto che l’atto della Regione fosse illegittimo perché non assunto dalla Conferenza interistituzionale di Regione, Province e Comuni. A maggio scorso, di fronte al prospettato taglio dei trasferimenti del 15% (sugli 85 milioni di euro stanziati nel 2011) la dirigenza Actv aveva indicato come probabili e necessari ulteriori tagli dei servizi e aumenti delle tariffe. Di più, si era spinta a prospettare duecento possibili esuberi strutturali. Con questa sentenza, in attesa anche del pronunciamento del Consiglio di Stato in merito ai fondi 2011, l’azienda di trasporto pubblico può tirare un sospiro di sollievo.
«Siamo l’unica azienda del Veneto – disse Panettoni nella sua udienza in commissione comunale prima del ricorso – ad essere intervenuta sia sulla tariffazione (aumento dei biglietti e degli abbonamenti) che sul servizio, con un taglio di 5 milioni di chilometri di percorrenza l’anno. Tagliare ancora ci metterebbe in difficoltà enormi, anche perché è stato annunciato a maggio, con i servizi già predisposti». Circa i fondi del 2011, l’azienda di trasporto pubblico resta, invece, in attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato. A beneficiare della sentenza saranno tutte le aziende di trasporto pubblico del Veneto che fanno parte di Confeservizi.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui