Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

L’ha comunicato ieri Cav alla Conferenza dei Sindaci tenuta a Vigonovo

Beneficiario dello sconto chi “garantirà” almeno 20 accessi mensili in autostrada

LA NOVITÀ – Ma c’è anche chi pagherà il doppio

Chi compie la tratta Mirano-Padova est per cinque volte alla settimana per undici mesi pagherà 726 euro invece che gli attuali 387.

I pendolari di Miranese e Riviera pagheranno 1.50 euro per il tratto autostradale Mirano-Padova est, lo stesso pedaggio applicato attualmente per chi prende il Passante a Spinea per uscire a Padova. L’indiscrezione arriva da Vigonovo, dove ieri pomeriggio i vertici della società autostradale Cav hanno incontrato i sindaci del comprensorio in una conferenza convocata per illustrare il nuovo piano tariffario. Il progetto prevede l’uniformazione delle tariffe della Mestre-Padova e della Mirano-Padova: il pedaggio standard sarà di 2.70 euro per entrambe le tratte, mentre ora il primo è di 3.20 euro e il secondo è di 80 centesimi. Per i pendolari di Miranese e Riviera è previsto uno sconto di 1.20 euro che sarà calcolato automaticamente dal telepass: il criterio di pendolarità dovrebbe essere applicato per tutti i residenti che faranno almeno 20 accessi mensili in autostrada (anche semplicemente 10 andate e 10 ritorni). Ma i pendolari non possono gioire troppo: chi compie la tratta Mirano-Padova est per cinque volte alla settimana per undici mesi pagherà 726 euro invece che gli attuali 387. I Comuni coinvolti saranno sicuramente Mirano, Mira, Dolo, Pianiga, Santa Maria di Sala ma probabilmente pure altri: se ne saprà di più nei prossimi giorni.
A Vigonovo sono intervenuti sia il presidente di Cav Tiziano Bembo che l’amministratore delegato Eutimio Mucilli, dettagli ulteriori saranno illustrati nel corso di successive riunioni. La conferenza è stata accompagnata da oltre una ventina di residenti di Vetrego e da un numero analogo di cittadini della Riviera, che si sono riuniti all’esterno del Municipio. A Vetrego chiedono con insistenza che venga risolto una volta per tutte il problema degli ingorghi alla rotonda del casello, dove attualmente i pendolari della Mestre-Padova escono e rientrano per godere del tratto gratuito sulla Mestre-Mirano: l’uniformazione delle due tratte renderà inutile questa manovra. I vetreghesi si preparano a partecipare in massa ad una riunione questa sera in patronato per stabilire se la scelta di Cav è soddisfacente o se da lunedì scatterà il blocco della rotonda per protesta. Il nuovo piano tariffario dovrà essere approvato dal Ministero e potrebbe entrare in vigore nel mese di maggio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui