Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SANTA LUCIA – È stato depositato da alcuni cittadini affiancati dal Comitato paesaggistico

AUTOSTRADA – il Comitato per la tutela del paesaggio ha giurato battaglia

RACCORDO autostradale di Conegliano, un nuovo ricorso è stato presentato contro il casello sull’A27 previsto a Santa Lucia

«Uno sfregio contro il nostro territorio sono il nuovo svincolo autostradale e il casello di Santa Lucia di Piave», afferma Domenico Carraro di San Michele di Piave. È il primo firmatario di un ricorso al Tar di Venezia (il secondo, ndr), depositato venerdì scorso 14 marzo. Si chiede l’annullamento del Decreto del Presidente della Repubblica del 30 luglio 2012 per la realizzazione dell’opera, ricadente nei Comuni di Santa Lucia, Mareno e Cimadolmo. Gli altri firmatari, che si sono affidati tutti all’avvocato Maurizio Zanchettin, sono Simone Cadamuro, Eros Carraro, Ezio Gandin e il Comitato Tutela Paesaggio Veneto. Lo svincolo, da realizzare in tre stralci, si snoderebbe per 7,3 chilometri, in buona parte lungo un tracciato stradale esistente sull’argine del Piave, da adattare alle nuove esigenze, che attualmente viene utilizzato dai mezzi di alcune ditte di escavazione di ghiaia nel letto del fiume. Ad essere chiamati in causa, oltre alla Presidenza della Repubblica, sono altre diciassette parti, dall’Anas, ad Autostrade per l’Italia, ai tre Comuni interessati, alla Provincia di Treviso, alla Regione Veneto, all’Arpav, al Consiglio dei Ministri e a quattro diversi Ministeri. Oltre a iniziative parlamentari e a livello europeo, contro lo svincolo giace un altro ricorso al Tar, presentato il 21 novembre 2012, tramite l’avvocato Alfredo Bianchini, da Loreta Bellussi Carbolante, che alle elezioni amministrative dello scorso anno era stata candidata sindaco per la Lista Alleanza Santa Lucia Democratica. Lo svincolo viene duramente contestato, tra l’altro perché posizionato a ridosso del fiume Piave, in una zona su cui ricadono rigidissimi vincoli di tutela. Nell’iter del procedimento, che si è concluso favorevolmente con il decreto presidenziale, non si sarebbe volutamente tenere conto del parere negativo della Sovrintendenza competente. Inoltre l’opera non rappresenterebbe un elemento per lo sviluppo economico del territorio, ma uno sperpero di denaro pubblico, senza alcun ritorno utile per la comunità. Nel decreto presidenziale si riconosce invece che l’opera «assume rilevanza primaria e strategica per i vantaggi della viabilità e per la riqualificazione dell’intera rete infrastrutturale connessa».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui