Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ODERZO – (an.fr.) Un incontro per parlare dell’utilizzo dei sarmenti di vite, materia che potrebbe rivelarsi un’interessante fonte energetica. A patto di essere impiegata nel modo corretto perché è noto che sui sarmenti sono depositati metalli pesanti, derivanti dai trattamenti antiparassitari. L’iniziativa viene promossa dall’associazione Cittadini Attivi fondata dal senatore Walter Bianco, alla quale aderiscono persone anche di altri Comuni dell’opitergino-mottense. «Ci sono dei dati molto interessanti -sottolinea Bianco- derivanti da un’analisi specifica e rigorosa realizzata da un laboratorio accreditato per conto della Cooperativa agricola Livenza di Motta di Livenza. Dalla quale è emerso che un ettaro di vigneto produce l’equivalente di energia di 552 litri di gasolio, 552 mc di metano, 809 litri di gpl. Il tutto naturalmente tenendo conto che i sarmenti vanno trattati in appositi impianti, in modo da non liberare nell’aria le pericolose polveri sottili. Questo tipo di tecnologia potrebbe essere adottata anche nella nostra provincia, tenendo conto che l’alta disponibilità di sarmenti: intorno alle 69mila tonnellate l’anno di sostanza fresca».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui