Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

scalabrin (udc) 

DOLO. Tagli alla sanità, Luca Scalabrin, segretario provinciale dell’Udc, attacca il direttore generale dell’Asl 13.

«Se si realizzerà un polo medico a Dolo e uno chirurgico a Mirano» attacca Scalabrin «in caso di urgenza chirurgica di paziente già ricoverato a Dolo per altri problemi, il paziente deve affrontare un trasferimento in ambulanza con ritardi nella diagnosi e nell’intervento. Eventuali incidenti di percorso saranno come sempre a carico dei medici e infermieri implicati oppure a carico degli amministratori che prendono decisioni senza calcolare le conseguenze se non quelle economiche?».

«Recentemente sono stato al Pronto soccorso dell’ospedale di Dolo» racconta «Ho visto pazienti con problemi cardiaci e respiratori ricoverati in Ortopedia. Mi è stato spiegato che, in caso di mancanza di posti letto nei reparti internistici, direttive interne hanno dato disposizione che ogni unità operativa di area chirurgica metta a disposizione del pronto soccorso di Dolo e Mirano fino a quattro posti letto per pazienti con problemi internistici, che verranno valutati da parte del medico di guardia dei reparti. E i pazienti vengono esposti a maggiori rischi».

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui