Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO. Continua il tema dell’aumento del pedaggio sulla Mirano-Padova ma anche della tariffa da pagare per percorrere il Passante. Ieri il Movimento 5 Stelle di Mirano ha protocollato un’interrogazione e un’interpellanza che saranno discusse nel prossimo Consiglio comunale. La questione era nata ancora settimane fa e l’obiettivo è sempre quello: Concessioni autostradali venete (Cav). Infatti per le prossime settimane è previsto un rincaro dei pedaggi sulla Padova-Mirano da 80 centesimi a 2,70 euro, mentre da Padova a Venezia ci sarebbe un ribasso di 50 centesimi e un’agevolazione per i pendolari a 1,50 euro. E così Marco Marchiori, Antonio Milan e Martina Pasqualetto si rivolgono al sindaco Maria Rosa Pavanello.

«Chiediamo» si legge nell’interpellanza «se non si sia considerato di contestare a Cav non solo il prospettato aumento del pedaggio ma anche l’attuale tariffa del Passante, totalmente avulsa dagli standard europei e che ne limita, di fatto, la fruizione da parte dei cittadini di Mirano che viceversa ne subiscono l’impatto». E poi chiedono l’ipotesi di sciogliere la stessa Cav, «Viste le difficoltà di Cav a far fronte agli impegni presi».

(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui