Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Amianto, una legge per le vittime

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

mar

2013

convegno sabato a marghera

La proposta del senatore Casson a favore di lavoratori e familiari

Sono centinaia, anzi migliaia, i lavoratori già ammalati o a rischio di contrarre nei prossimi anni un mesotelioma per i troppi anni di esposizione a fibre killer dell’amianto nel luogo di lavoro. Per garantire loro un sostegno concreto e una sorveglianza sanitaria adeguata c’era una proposta di legge, presentata (ma mai discussa e approvata) nella scorsa legislatura dal senatore Felice Casson e sottoscritta da molti altri parlamentari di tutti i partiti. L’ex Pubblico ministero, rieletto al Senato, ha così deciso di ripresentare il disegno di legge con le «norme a tutela dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente dall’amianto, nonché delega al Governo per l’adozione di un testo unico in materia di esposizione all amianto». Il testo del disegno di legge sarà presentato pubblicamente sabato prossimo dalle 10 alle 17 nel corso di un convegno che si terrà nella sala della Parrocchia della Risurrezione alla Cita, in via Palladio 3 a Marghera. Dal 1992 fino al 2004 la lotta contro l’amianto è stata incentrata sull’obiettivo di attuare appieno la legge n.257/1992, ma l’emergenza amianto non è però finita con la chiusura delle fabbriche: le malattie hanno un’incubazione dai quindici ai trent’anni e non colpiscono solo gli ex lavoratori, ma anche i loro familiari contaminati dai vestiti portati a casa e i cittadini che vivono nelle vicinanze delle fabbriche. Per portare avanti questa battaglia sul piano legislativo i firmatari del disegno di legge che sabato il senatore Felice Casson presenterà a Marghera «intendono considerare persone a rischio anche coloro che, pur non manipolando l’amianto, ne vengono a contatto per motivi abitativi, familiari o ambientali», vittime anche loro come le mogli di operai uccise dal mesotelioma solo perché lavavano e stiravano le loro tute impregnate di fibre killer.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui