Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LA REPLICA

DOLO- Anche la lista «Il Ponte del Dolo», rappresentata in consiglio comunale a Dolo da Giorgio Gei, si scaglia contro l’opportunità di far approvare dal Cipe la Orte-Venezia.

«È inaccettabile- attaccano da “Il Ponte del Dolo”- che un Governo delegittimato dal voto popolare ed in carica ancora per poco si arroghi il diritto, attraverso uno strumento apparentemente tecnico come il Cipe, di prendere decisioni che non sono né ordinaria amministrazione né tantomeno necessitano di urgenza».

Rilanciando:

«Affinché la lobby trasversale dell’asfalto e del cemento non ottenga in extremis il via libera per la devastante autostrada Orte-Venezia, “Il ponte del Dolo” si appella al Sindaco Gottardo, ai Sindaci della Riviera del Brenta e del Miranese, ai Deputati e ai Senatori eletti nel territorio affinché chiedano immediatamente al Presidente del Consiglio, ai Ministri che compongono il Cipe e ai Presidenti delle regioni interessate di sospendere ogni provvedimento in merito a questo progetto e di rimettere ogni decisione al prossimo Esecutivo».

(g.d.c.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui