Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

dolo. comitato marcato

DOLO. Il “Ponte del Dolo” chiede l’approvazione del documento a salvaguardia dell’ospedale di Dolo, già votato da Camponogara, ma il Consiglio decide di non votarlo e di riformare la commissione straordinaria sulla Sanità che redigerà un nuovo testo. «Rivendichiamo la centralità di Dolo, quindi proviamo noi ad essere propositivi», commenta il sindaco Maddalena Gottardo, «in attesa di conoscere le schede abbiamo dei punti fermi che sono dichiarazioni del direttore generale dell’Asl 13 nel Consiglio comunale straordinario. Ci troveremo con un gruppo ristretto di consiglieri e lavoreremo sul documento». Il gruppo di lavoro si era già formato alcuni mesi fa ma poi non era stato approvato alcun testo. Nel frattempo il Comitato “Bruno Marcato” aveva stilato un ordine del giorno che è già stato votato da Camponogara e che giovedì sarà proposto al sindaco di Mira. Per Maddalena Gottardo il nuovo documento di Dolo non si scontrerà con quello già presente. Sulla vicenda Giorgio Gei commenta: «Ho proposto di votare l’odg sull’ospedale approvato da Camponogara per stimolare un’amministrazione che dopo il Consiglio comunale straordinario mi è sembrata troppo silente sulla questione».

(g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui