Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA. Sono 11 le discariche censite dal Comune di Mira alcuni anni fa e sparse in tutto il territorio. Fra quelle più pericolose c’è quella di via Teramo, in cui migliaia di fusti tossico-nocivi sono finiti nelle falde acquifere della zona e per la quale sono partiti da poco i lavori di bonifica e caratterizzazione del sito. Nel 1999 addirittura una commissione parlamentare d’inchiesta si interessò al caso di via Teramo. C’è poi la situazione della discarica di ceneri di pirite a Dogaletto, posta sotto sequestro dalla magistratura dieci anni fa in seguito ad una inchiesta del sostituto procuratore veneziano Luca Ramacci. Fra le altre discariche a Mira c’è quella di rifiuti solidi urbani a Ca’ Perale, quella vicino all’area della Marchi Marano, la fabbrica alle spalle della stazione ferroviaria di Mira-Mirano, un’altra di rifiuti solidi urbani lungo la provinciale che da Borbiago porta a Marghera. Altre discariche sono situate lungo l’idrovia Padova – Venezia e sono prevalentemente di rifiuti solidi urbani. È partita da anni infine la bonifica della discarica a ridosso del Macchinon a Giare di Mira. Il problema per molti resta anche quello delle molte discariche mai scoperte, interrate, e forse proprio per questo più pericolose per la salute pubblica. Ora però si vuol voltare pagina per evitare che a farne le spese siano intere generazioni di miresi che possono subire i veleni per i decenni futuri. (a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui