Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ASOLO – Summit in Provincia, il presidente ribadisce: «È stato studiato in conformità al Ptcp»

Da una parte c’è la richiesta ufficiale presentata ieri in Municipio dagli otto consiglieri di opposizione per arrivare alla definitiva sospensione del nuovo piano urbanistico, dall’altra c’è il Sant’Artemio che in nome del rispetto del piano provinciale è pronto a confermare ogni virgola del documento finito in mezzo a una bufera di dimensioni internazionali. Su questo il sindaco Baldisser è stata rassicurata anche martedì scorso durante un incontro privato con Muraro.
«La copianificazione è stata portata avanti di concerto con i nostri tecnici e quindi il Pat di Asolo rispetta appieno i dettami del piano territoriale di coordinamento provinciale – mette in chiaro il presidente – è evidente che nei giorni scorsi c’è stato un problema di comunicazione: nessuno ha mai previsto una colata di cemento ai piedi delle colline o cose del genere».
I numeri, però, sono sulla bocca di tutti: circa 285 mila metri cubi di nuova edificazione residenziale e circa 720 mila metri cubi su 15 ettari all’interno di un’area da 30 di nuova capannoni. «Le cifre non sono vere», ribatte Muraro. Ma è su questi che le opposizioni in Comune hanno alzato le barricate arrivando a far rinviare tutto. E lo stesso si apprestano a fare quelle della Provincia. «Ma se il Pat di Asolo rispetta il piano territoriale di coordinamento provinciale, come lo rispetta, nel giro di un mese si arriva all’approvazione immediata – chiude il presidente – il consiglio ha approvato il piano provinciale e tutto quello che si cala al suo interno in modo conforme viene vagliato direttamente dalla giunta».
Insomma, si può far tutto quello che concede il piano urbanistico della Provincia, per altro già messo in discussione per i casi Colomberotto-RotoCart a Barcon di Vedelago e Ikea a Casale sul Sile. Per centrare il suo obiettivo, di conseguenza, la giunta Baldisser deve superare solo lo scoglio del consiglio comunale. Cosa che, però, pare tutt’altro che facile.

Mauro Favaro

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui