Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira, “Il Giudice di Pace deve restare”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

apr

2013

MIRA Mattia Donadel in disaccordo con il sindaco: «È un servizio importante»

Gottardo: «Se Maniero dice no dovrà assumersene le responsabilità»

SCONTRO – Il destino del Giudice di Pace infiamma il dibattito politico a Mira e Dolo

«Una soluzione sul Giudice di Pace si può trovare e non è detto che debba rimanere per forza a Dolo».

Mattia Donadel capogruppo della civica Mira Fuori del Comune interviene sulla polemica attorno al mantenimento del Giudice di pace. Secondo il sindaco di Mira Alvise Maniero i costi del mantenimento, per Mira, sarebbero troppo impegnativi e sembra intenzionato a defilarsi dall’accordo che vede invece gli altri sindaci della Riviera compatti nel mantenimento del giudice di pace a Dolo, e disposti a compartecipare alle spese. Dopo le dure critiche dal sindaco di Dolo Maddalena Gottardo al voltafaccia di Maniero. «Se decide di dire no al Giudice di Pace – ha sottolineato la Gottardo – i cittadini della Riviera saranno costretti a rivolgersi a Rialto (Venezia) per veder riconosciuti i loro diritti. Se sarà così Maniero deve assumersi tutte le responsabilità politiche di questa scelta». Donadel invece è convinto che una soluzione «di mediazione» si possa trovare.

«L’importanza del mantenimento del Giudice di Pace in Riviera del Brenta è innegabile – afferma Donadel – ed è un servizio importante per i cittadini, soprattutto in un momento di crisi come quello attuale. I tagli operati dal Governo Monti impongono ai Comuni di farsi carico di ulteriori servizi senza mettere a loro disposizione né risorse, né allentamenti rispetto ai vincoli di bilancio imposti. Nonostante queste difficoltà è possibile trovare una soluzione».

E qui la proposta che probabilmente non piacerà certo a Dolo. «Non sta scritto da nessuna parte – afferma Donadel – che il Giudice di Pace debba rimanere a Dolo. Per esempio: i 60.000 euro di affitto e utenze costituiscono il 40% delle spese; costi sicuramente comprimibili e non di poco se si rimettono in discussione la sede attuale del Giudice di Pace, i termini di locazione, la gestione delle spese correnti del servizio. Ma per risolvere il problema è necessario che tutte le forze politiche e le amministrazioni coinvolte siano disponibili a lavorare di comune accordo nell’interesse dei cittadini».

Luisa Giantin

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui