Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui
sindaci in ordine sparso
VIGONOVO. Sul giudice di pace i sindaci della Riviera vanno in ordine sparso con dubbi sempre più forti. Se da un lato il Comune di Dolo e il presidente della Conferenza dei sindaci, Damiano Zecchinato, puntano a far approvare dai consigli comunali la richiesta di mantenimento del giudice di pace in tempi rapidi, dall’altro canto Mira chiede di ridiscutere i costi di ripartizione della spesa. Dubbi li hanno espressi poi il Comune di Camponogara per quanto riguarda la capacità di sforare la spesa per il personale prevista per gli enti locali e Fossò. A fare chiarezza ci pesa il sindaco di Vigonovo, Damiano Zecchinato: «Ci si deve esprimere una buona volta», chiosa, «se si vuole il mantenimento del servizio in Riviera del Brenta. Certo ci sono delle difficoltà contabili perché la legge prevede che il costo del personale deve diminuire anno per anno. Ma si tratta di fare una scelta politica. Cioè decidere subito di mantenere il servizio e poi trovare una formula di ripartizione dei costi del personale per il quale si possono trovare delle soluzioni tecniche ad hoc. I sindaci non si inventino tecnici, ma diano linee di indirizzo generali». Il sindaco di Mira, Alvise Maniero, ha voluto mantenere una linea più condivisa possibile con le forze presenti nel suo parlamentino e, fino a tarda sera, si stava discutendo nell’apposita commissione, la formulazione più adatta per licenziare la delibera che fissa l’impegno. Da calcoli fatti costerà 160 mila euro l’anno mantenere l’ufficio del giudice di pace a Dolo. Ci sono dei tempi precisi per portare a termine l’operazione. L’iter prevede che la conferenza dei sindaci approvi un atto di indirizzo e i Comuni rivieraschi si impegnino a farsi carico dei costi. La delibera dovrà essere poi approvata entro il 29 aprile anche dai consigli comunali e la richiesta sarà inviata al ministero della Giustizia. Il costo del personale ammonta a circa 90 mila euro, gli altri 70 mila serviranno per il mantenimento delle strutture e delle utenze. L’importo ripartito tra i Comuni con il criterio della popolazione è Mira 30,27%; Dolo 11,78; Camponogara 9,99; Pianiga 9,32; Campolongo 8,02; Vigonovo 7,84; Fiesso 6,07; Stra 5,87; Campagna Lupia 5,43; Fossò 5,41.

Alessandro Abbadir

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui