Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FIESSO. «Ieri pomeriggio i tecnici del consorzio di bonifica Acque Risorgive assieme, all’assessore Marco Cominato, hanno collaudato la nuova idrovora dello scolo Castellaro che permetterà di migliorare la sicurezza idraulica dell’area nord di Fiesso d’Artico».

È questo l’annuncio soddisfatto del sindaco Andrea Martellato che ha ufficializzato il completamento dei lavori per una spesa di un milione e 700 mial euro, che hanno visto il posizionamento di un’idrovora con tre pompe per una potenza di 2.100 litri al secondo nella zona dietro al cimitero che permetterà di scaricare l’acqua del Castellaro nel Rio Serraglio in caso di emergenza.

È stata poi prevista la posa di alcune valvole “di non ritorno” per evitare che l’idrovora ripeschi le acque a valle e la sostituzione di un “tombotto” in via Pioghella che servirà per risolvere le problematiche della zona industriale. I lavori dello scolo Castellaro erano iniziati a fine 2009 con il risezionamento dello scolo, l’adeguamento delle strade che passavano sopra il corso d’acqua e la realizzazione murarie dell’idrovora. (g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui